Sciopero per il clima: possibili disagi scuola e trasporti

Adjust Comment Print

Non sono mancati gli scontri: a Palermo ci sono stati attimi di panico a causa di giovani vestiti di nero che hanno improvvisamente spezzato la manifestazione pacifica, ma l'allarme è subito rientrato.

Al fianco degli studenti anche la Cgil Pesaro e Urbino che sostiene la manifestazione dei giovani del movimento Fridays for Future a sostegno del futuro del Pianeta e contro I cambiamenti climatici. "L'impegno contro i cambiamenti climatici vale più di un giorno di scuola saltato", spiega un ragazzo contro chi maliziosamente parla di 'occasione' per saltare le lezioni. Una vita votata alla lotta alla salvaguardia dell'ambiente, dalla scelta di diventare vegana assieme alla sua famiglia, fino a quella di attraversare l'Oceano Atlantico su uno yacht a vela piuttosto che volare in aereo verso l'America, in vista del Climate Action Summit partito il 23 settembre.

Nelle dichiarazioni di giovani e giovanissimi si nota la conoscenza, a tratti sorprendente, della complessità del problema.

Matteo Salvini: "L’accordo di Malta sui migranti? Una fregatura"
Si parla di migranti raccolti dalle ong, che sono il 10 per cento degli sbarcati, e la redistribuzione è volontaria. Matteo Salvini ha rivelato che la chat con Conte e Di Maio è ancora aperta.

Entusiasta anche Greta Thunberg, che sul proprio account Twitter ha ritwittato alcune fotografie e video provenienti dall'Italia, che ha definito "incredibili". Il Miur, inoltre, con una circolare a firma del neo-ministro all'istruzione Fioramonti, ha invitando i dirigenti scolastici, nella propria autonomia, a considerare giustificata l'assenza degli studenti per la partecipazione alla manifestazione, "stante il valore civico che la partecipazione riveste".

A Torino, ad esempio, un gruppo di circa cinquanta attivisti ha organizzato un die-in (la versione estrema del sit-in in cui ci si sdraia a terra fingendosi morti) all'interno del negozio di H&M di via Roma, in centro.

Oggi, venerdì 27 settembre, è in programma il terzo sciopero globale per il clima indetto da Fridays for Future. Nel caso piazza Venezia, via del Corso, via del Teatro Marcello e via del Plebisciti vengano chiuse, saranno sedici le linee ulteriormente deviate dal normale percorso stradale. Basta organizzarsi. Qualcuno rimane a presidiare chi non sciopera, altri accompagnano i ragazzi che aderiscono, ma non per controllarli o guidarli, piuttosto per sostenerli e dare un messaggio importante: "Noi non siamo i vostri nemici, siamo con voi, avete ragione". "Allegrissima ragazzina che aspetta un radioso e stupendo futuro", aveva scritto sul suo profilo Twitter, in tono provocatorio.

Comments