Gp Russia: a Verstappen le seconde libere

Adjust Comment Print

Peccato per la Ferrari perché oltre al danno c'è stata anche la beffa.

Un'altra prestazione maiuscola in qualifica per Charles Leclerc, che sul circuito di Sochi in Russia piazza nuovamente la sua Ferrari davanti a tutti. Al suo fianco partirà Lewis Hamilton su Mercedes, che supera di un soffio l'altro ferrarista, Sebastian Vettel. Una gara in controllo completo, poi il pit-stop che ha ridato il primo posto a Charles Leclerc (poi terzo) e il problema al motore che lo ha costretto al ritiro. Il regime di virtual safety car ha infatti permesso a Hamilton di rientrare ai box conservando la posizione su Leclerc. Peccato però che Seb abbia perso il supporto dalla propria Power Unit non appena uscito dai box.

Jacques Chirac, ex presidente francese, è morto oggi all’età di 86 anni
Da presidente sarà il primo a riconoscere la responsabilità del governo di Vichy nella deportazione degli ebrei francesi. Per due volte è stato anche primo ministro e per tre volte Sindaco di Parigi (primo cittadino per ben 18 anni).

Il pilota britannico ha poi proseguito: "Durante le simulazioni avevamo visto che soffrivamo sul passo, ma che con le soft avevamo un calo repentino quindi abbiamo deciso di fare il primo stint più lungo con le medie".

"Il nostro passo è stato abbastanza costante - commenta Leclerc -". Il tempo in PL1 è stato di qualche millesimo più veloce del best lap di Vettel nella stessa sessione un anno fa. Dobbiamo migliorare in questo. I team radio e i primi giri? Leclerc, quasi incredulo, prima si tiene in scia, poi si accontenta di seguire più distanziato il compagno di team. Abbiamo comunque lavorato molto bene. Questo consentirà di gestire la strategia di gara, avendo libertà di scelta su quale tipo di gomma montare alla partenza. La Ferrari prova ad impensierire le Mercedes che ora dovranno monitorare la situazione del monegasco, per capire l'andamento delle gomme fresche, e che nel frattempo dovrebbero attaccare un Vettel che, complici le linee morbide del tracciato russo, nonostante gli ottimi tempi sta gestendo le gomme in maniera esemplare. A deludere sono state indubbiamente le frecce d'argento, con Valtteri Bottas che si è posizionato in terza posizione a ben sei decimi dal battistrada.

Comments