Arrestato in Spagna latitante tra i 100 più ricercati

Adjust Comment Print

Era nella lista dei 100 latitanti di maggiore interesse, accusato di violenza sessuale, calunnia, appropriazione indebita, truffa aggravata e ricettazione. Disposte dai Tribunali di Udine, Verbania, Novara, La Spezia, Roma, Velletri, Trieste, Imperia, per fatti occorsi fra il 2005 ed il 2015.

L'ultima condanna nel settembre 2018 - Il provvedimento disposto dalla Procura di Udine trae origine dall'ultima condanna, passata in giudicato, del settembre 2018, che riguarda un episodio di calunnia. Paolo Stellacci avrebbe riferito alla Procura fatti costituenti reato riguardanti due pubblici ufficiali.

Le ricerche attivate, nell'ambito del progetto per la ricerca di latitanti "Wanted 3" coordinato dallo Servizio centrale operativo, hanno permesso di accertare subito che l'uomo si era reso irreperibile in Italia, trasferendosi all'estero. In seguito si era poi accertato che le affermazioni del 45enne erano prive di fondamenti: le dichiarazioni erano state rilasciate per rivalsa nei confronti dei due. Per questo era stato condannato alla pena di due anni e otto mesi.

E’ morto Giorgio Squinzi, l’Italia piange un grande imprenditore
Lascia la moglie Adriana Spazzoli e i figli Marco e Veronica , da tempo già impegnati nella Mapei . Da tempo era gravemente malato, ma non sono stati diffusi ulteriori dettagli sul decesso.

La Polizia di Stato ha arrestato in Spagna uno dei 100 latitanti italiani considerati più pericolosi.

Gli inquirenti italiani hanno certificato la fuga di Paolo Stellacci dall'Italia e lo hanno rintracciato ad Alicante, A quel punto la Procura di Udine ha disposto un mandato di arresto europeo, eseguito dagli agenti della polizia spagnola. Nei prossimi giorni e' prevista ludienza finalizzata alla determinazione della procedura di estradizione verso l'Italia.

Comments