Dazi Usa: ecco la lista dei prodotti UE che verranno tassati

Adjust Comment Print

L'Organizzazione mondiale del commercio (Wto) ha dato a Washington il via libera alle alle tariffe su beni di importazione dell'Ue per 7,5 miliardi di dollari (6,8 miliardi di euro) messi in cantier dall'amministrazione come rappresaglia per il supporto illegale del blocco europeo al produttore di velivoli Airbus. Lo dicono all'Adnkronos fonti diplomatiche, all'indomani della pubblicazione da parte di Bruxelles di una lista del tutto provvisoria dei prodotti che verrebbero colpiti dalle misure americane. Fra di essi spiccano parecchi formaggi italiani: Parmigiano Reggiano, pecorino romano e provolone, senza dimenticare prosciutto, salsicce, carne di maiale e frutta.

Intanto, perché la pronuncia diventi operativa, bisognerà attendere il prossimo 14 ottobre, con l'adozione da parte del Dispute Settlement Body del Wto.

"Ma se gli Usa decideranno di imporre contromisure autorizzate dalla Wto", ciò "spingerà l'Ue in una situazione nella quale non avremo altra scelta che fare la stessa cosa", ha affermato la commissaria europea al Commercio Cecilia Malmstroem. Guardando all'Unione europea nel suo complesso, tra i prodotti colpiti figurano anche il whiskey scozzese, i vini francesi, l'Emmental svizzero e la groviera. Gualtieri ha assicurato che si lavorerà "con determinazione e soprattutto in sede Europea ma anche nel rapporto con gli Stati Uniti per evitarli".

Brooke 260 Double R
L'auto ha la capacità di passare da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi, una performance eccellente per questo tipo di auto. Questo la colloca nella categoria delle vetture super-leggere come tutte le altre vetture sportive della stessa categoria.

L'introduzione di questi dazi potrebbe costare all'Italia più di un miliardo di euro e potrebbe colpire per circa la metà dell'importo il cibo, la moda, i materiali da costruzione, i metalli, le moto e la cosmetica, a meno che gli Stati Uniti non decidano di modificare le priorità inserite nell'elenco attuale dei prodotti.

E l'Italia rischia di essere il paese più colpito dopo la Francia. In prima linea parmigiano reggiano e grana padano, che potrebbero accusare pesanti perdite. A un simile aumento corrisponderà inevitabilmente un crollo dei consumi, stimato nell'80-90% del totale dal Consorzio del Parmigiano Reggiano. Il prezzo negli States volerebbe da 10-15 euro a bottiglia a 20-30 euro a bottiglia. "L'Italia si rende perfettamente conto che c'è una tensione commerciale a livello globale e, sicuramente, la prospettiva di questo confronto sui dazi tra Stati Uniti e Ue non può non considerare che siamo coinvolti come Unione Europea, - ha detto il premier, Giuseppe Conte -, tuttavia confidiamo di poter ricevere attenzione dal nostro tradizionale alleato su quelle che sono alcune nostre produzioni strategiche".

Comments