Lotito sul razzismo: "La Lazio non fa discriminazioni"

Adjust Comment Print

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni.

Lasciando la Federcalcio, Lotito s'è lasciato andare ad una frase che ha lasciato attoniti, non solo nell'intento di normalizzare gli ululati razzisti: "Non sempre la vocazione 'buu' corrisponde effettivamente a un atto discriminatorio o razzista - ha sostenuto il numero uno del club biancoceleste - ma andrebbe interpretato. Ricordo quando ero piccolo, spesso a persone non di colore, che avevano la pelle normale, bianca, venivano fatti i 'buu' per scoraggiarle a segnare il gol davanti al portiere".

Lazio-Rennes, Lazzari: "Primo tempo di fatica, ma ottima vittoria"
Domenica abbiamo un'altra grande partita. "Conosciamo il coefficiente di difficoltà e dovremo farci trovare pronti". Con Milinkovic è molto semplice giocare, ti mette la palla dove vuole.

Claudio Lotito, presidente della Lazio, ha parlato del tema del razzismo al consiglio federale della Figc incentrato proprio su questo argomento. Ecco le linee guida: "la capacità di rilevare tempestivamente i rischi"; "l'adozione di un codice etico, di specifiche procedure per le fasi decisionali" e di "adeguati meccanismi di controllo"; "sistemi di comunicazione e formazione"; "l'adozione di un incisivo sistema disciplinare", "l'adozione di un organismo di vigilanza".

Comments