Siria, esercito turco avanza contro i curdi. Prime vittime tra i civili

Adjust Comment Print

Le motivazioni addotte dal presidente Recep Tayyip Erdogan per giustificare l'operazione "Fonte di pace" sono "pretestuose" prosegue la fonte, perché "in otto anni di guerra siriana non si è mai visto un attacco dalla parte curda verso la Turchia". Ma come gente del posto so come ci si sente, ricevo messaggi da chi vive qui. La risposta dell'Italia deve essere ferma e senza alcuna timidezza. Già si parla di migliaia di curdi in fuga dalle bombe e centinaia di vittime. Il crescere negli anni successivi della presenza militare americana sul campo e il legame sempre più saldo stretto da Washington con le milizie dell'Unità di Protezione Popolare (YPG) curde hanno di fatto isolato l'est dalle dinamiche e dai protagonisti dominanti nell'ovest.

E chissà cosa dicono quelli che Erdogan ce lo propongono come modello politico da importare nel nostro Paese. Ma anche altre soluzioni sono possibili, a cominciare dalla riapertura dei flussi verso l'Europa, lo scenario più temuto dalle cancellerie nostrane.

In particolare nel 2018 sono state concesse 70 licenze di esportazione definitiva per un controvalore di oltre 360 milioni di euro. "E ieri a Qamishlo sono state uccise tre persone". E' giunto il momento che anche il Parlamento faccia sentire la propria voce chiedendo lo stop alle forniture di sistemi militari di produzione italiana fino a che la situazione non sarà chiarita.

Ex obiettivi, ufficiale: Bertolacci è un nuovo giocatore della Sampdoria
Non troverà un ambiente sereno, visto che i blucerchiati sono ultimi in classifica con appena tre punti conquistati. Bertolacci ha parlato anche del suo passato: " Non rinnego le mie stagioni al Genoa , mai lo farò".

Turchia: "Non abbiamo colpito civili" - "Nella pianificazione ed esecuzione dell'operazione Fonte di Pace vengono presi di mira solo rifugi, ripari, postazioni, armi, mezzi ed equipaggiamenti che appartengono a terroristi del PKK/PYD-YPG e di DAESH (ISIS)". Questo è il sentimento prevalente, e le persone sono scioccate.

La Turchia ha intenzione di prendere il controllo del nord-est della Siria per creare una "zona cuscinetto" tra il proprio confine e i curdi siriani. La verità è che i curdi si stanno preparando anche alla battaglia contro i turchi, non ballano e basta, però la difesa senza ballo avrebbe qualcosa in meno da difendere. "Quindi la Turchia ha quella carta da usare contro l'Europa, e questo potrebbe fornire loro uno strumento di potere per portare avanti i loro piani nella Siria del Nord". I timori che i reduci del sedicente Stato islamico rialzino la testa sono forti anche tra le cancellerie occidentali, come dimostra la decisione Usa di trasferire in una prigione irachena due detenuti britannici, membri di una cellula di quattro soprannominata 'Beatles' che torturò e uccise ostaggi occidentali, tra cui il reporter James Foley. Il ministro degli esteri ha detto: "Non ci basta che diciate che capite lee preoccupazioni turche".

Si tratta dei due punti d'accesso delle forze armate di Ankara e delle milizie arabe locali cooptate dalla Turchia per l'offensiva lanciata ieri nel nord-est della Siria.

Comments