"Colpiti da un missile" petroliera iraniana è in fiamme nel Mar Rosso

Adjust Comment Print

Le autorità iraniane hanno poi riferito che la petroliera Sabiti, vittima dell'attacco di ieri, è in viaggio verso le acque territoriali di Teheran, dopo che l'equipaggio è riuscito ad arrestare la fuoriuscita di greggio.

Agenpress - Esplosione a bordo di una petroliera iraniana nel Mar Rosso nei pressi del porto saudita di Gedda. La nave, secondo l'agenzia di stampa ufficiale della Repubblica islamica, sarebbe stata "colpita da due missili". Proprio per questa ragione è stata aperta un'indagine volta a chiarire le reali cause.

La petroliera, operata dalla compagnia iraniana nazionale National Iranian Oil Company (NIOC), ha preso fuoco a circa 100 chilometri da Gedda.

Nazionale, sorpresa durante la rifinitura: Mancini invita Mihajlovic all'allenamento
E poi abbiamo fatto una promessa ai bimbi dell'ospedale Bambino Gesù: "per noi sono un esempio e vinceremo per loro", commenta. Con un successo la Nazionale sarebbero qualificata con tre gare d'anticipo.

Secondo quanto comunicato in una nota dalla National Iranian Tanker Company, proprietaria della nave cisterna, lo scafo sarebbe stato colpito da almeno due missili che avrebbero provocato ingenti danni ad altrettanti serbatoi. In precedenza i media iraniani avevano parlato più genericamente di due esplosioni e dell'attacco di un missile.

Un'esplosione si è verificata a bordo di una petroliera iraniana nel Mar Rosso, al largo della costa saudita.

Le detonazioni sono state seguite da un incendio, limitato dall'intervento dell'equipaggio, e da uno sversamento in mare di greggio. Il Wti era a 54,40 dollari al barile (+1,59%) mentre il Brent segnava 59,96 dollari (+1,46%).

Comments