Tifosi serbi invadono il campo contro gli albanesi: sospesa Brescia-Vojvodina

Adjust Comment Print

Assurdo. È quanto accaduto questo pomeriggio a Orzinuovi dove è andata in scena l'amichevole tra Brescia a Vojvodina.

Il Brescia vince per 2-1 al 7' della ripresa, quando il match viene sospeso a causa dell'invasione e dell'attraversamento del campo da parte di una ventina di ultras dei Vojvodina, che corrono verso chi - fuori dall'impianto di gioco - stava sventolando bandiere albanesi. O almeno così sarebbe dovuta andare, con gli spettatori presenti che sono invece stati privati praticamente di tutto il secondo tempo della gara.

Mostro di Nantes: non è lui l'uomo arrestato a Glasgow
L'autopsia stabilì che erano stati uccisi con una carabina 22 Long Rifle e almeno due di loro con un colpo sparato alla testa. Dupont, 58 anni , noto come il mostro di Nantes , è ancora ricercato.

Già durante i primi 45 minuti la partita era stata sospesa per un quarto d'ora dopo l'espulsione del tecnico del Vojvodina Lalatovic che aveva portato i suoi giocatori negli spogliatoi, salvo poi rientrare in campo dopo l'intervento del presidente della squadra serba.

Due interruzioni, un'invasione di campo, poi la sospensione definitiva confermata dal Brescia con un breve comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale. Una reazione scatenata da motivazioni politiche legate alla questione Kosovo. Il campo invaso dai supporter serbi e la partita sospesa, stavolta definitivamente, per la seconda volta. Di Donnarumma e Bisoli i goal per le Rondinelle.

Comments