F1, Gp Giappone: Bottas trionfa davanti a Vettel e Hamilton

Adjust Comment Print

La Mercedes vince il Mondiale costruttori, il sesto consecutivo. La partenza è stata invece un inferno: Vettel ha staccato in anticipo la frizione, facendo un sobbalzo in avanti e prendendo poi il via venendo sverniciato da Bottas all'esterno.

Valtteri Bottas ha vinto il Gran Premio del Giappone, 17° appuntamento del Mondiale di Formula 1, sul circuito di Suzuka.

La squadra di Brackley centra il primo obiettivo stagionale, prenotando la festa per il mondiale piloti in Messico.

"Sono sorpreso, sembravamo piuttosto forti prima delle qualifiche".

Nobel per la pace al premier etiope Abiy Ahmed Ali
In campo economico, Ahmed ha messo fine al monopolio di Stato su diversi settori chiave, dalle telecomunicazioni all'aviazione. Infine, è doveroso chiamare i responsabili delle violazioni dei diritti umani del passato a rispondere delle loro azioni.

A domanda sulla strategia della Mercedes, che ha previsto due pit stop per ciascun pilota, Bottas risponde: "Non c'era grossa differenza tra una o due soste; in ogni caso, tutto è andato liscio, e ho spinto quanto volevo". Infatti allo start Vettel si è mosso un attimo prima dello spegnimento del semaforo, e rosso e nel timore di essere punito dai Commissari, è partito a rallentatore. "Abbiamo fatto scorta di cibo e acqua e siamo pronti per un'emergenza - ha dichiarato Kevin Magnussen - Spero che l'hotel non venga spazzato via!".

"Sono molto felice, partire dal terzo posto non è stato certo semplice, ma io non ho mollato". Leclerc non approfitta dell'esitazione del compagno e anzi si trova a battagliare con Verstappen: i due vanno a contatto, con l'olandese che ha la peggio uscendo fuori pista e con il monegasco che mantiene la posizione ma è poi costretto ai box per un cambio ala. Subito ai piedi del podio si è classificato Alex Albon con la Red Bull, davanti a Carlos Sainz (McLaren).

Quella che poteva diventare una giornata gloriosa per la Ferrari si è trasformata in una. sorta di brodino caldo.

Comments