Brexit:tardi per ok formale a vertice Ue

Adjust Comment Print

L'accordo tra Ue e Regno Unito sulla Brexit sembra vicinissimo. Il nuovo stallo arriva dopo l'ottimismo espresso ieri dal premier irlandese Leo Varadkar: aveva detto di aver ricevuto indicazioni da Bruxelles sui "progressi" del negoziato. Lo scrive il sito del Guardian citando fonti di Bruxelles e di Londra, secondo cui un testo potrebbe essere reso pubblico domani.

Ad avvicinare l'intesa - che anche il Guardian dava "a un passo" - sembrava fosse stata la decisione del premier Tory Boris Johnson di fare concessioni per sciogliere il nodo del confine irlandese. Ma ottenendo la certezza che Londra e Belfast escano insieme dall'Ue e restino un territorio doganale unico. Anche Downing Street, con molta prudenza, aveva parlato di progressi nella trattativa. "I colloqui continuano e restano costruttivi, ma c'è ancora del lavoro da fare", ha tagliato corto.

Brooke 260 Double R
L'auto ha la capacità di passare da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi, una performance eccellente per questo tipo di auto. Questo la colloca nella categoria delle vetture super-leggere come tutte le altre vetture sportive della stessa categoria.

E' quindi una corsa contro il tempo, per i team negoziali dell'Unione europea e del Regno Unito, che lavorano alla messa a punto di un testo legalmente operativo da sottoporre all'ok formale al vertice dei leader europei di giovedì, prima di passare al vaglio dei parlamentari di Westminster sabato, e a quello degli eurodeputati, riuniti in plenaria a Strasburgo la settimana prossima.

Per bocca della 93enne sovrana, l'Esecutivo si è impegnato anche a far sì che i 3,4 milioni di europei residenti nel Regno Unito non siano espulsi, mentre si metterà fine alla libera circolazione con l'UE, instaurando un sistema di immigrazione a punti la cui entrata in vigore dovrebbe avvenire nel 2021. A riportare il tema nell'attualità politica ci ha pensato in questi giorni Sinn Féin, il partito socialdemocratico e indipendentista dell'Irlanda del Nord, che durante un incontro con la delegazione di rappresentanti dell'Unione Europea ha sottolineato la necessità di includere "la prospettiva di un referendum sull'unità dell'Irlanda" nelle trattative ormai agli sgoccioli con il governo britannico. Che Johnson però, com'è noto, non intende chiedere.

Comments