Erdogan, nostre truppe resteranno Siria - Ultima Ora

Adjust Comment Print

Lo sostiene l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Il Consiglio europeo prende atto della pausa delle operazioni militari annunciata da Usa e Turchia ed esorta nuovamente Ankara a porre fine alla sua azione militare, a ritirare le sue forze e a rispettare il diritto internazionale umanitario. Mentre l'Arcivescovo armeno apostolico Sahak Masalyan - attualmente incaricato di coordinare il processo in corso per l'elezione del nuovo Patriarca armeno di Costantinopoli - ha ribadito che l'autorità del Patriarcato "si schiera a fianco della pace", aggiungendo che "purtroppo, l'instaurazione della pace non può essere realizzata sempre con mezzi pacifici" (GV) (Agenzia Fides 18/10/2019). La priorità di entrambi è stata quella di evitare la morte di innocenti. "Adesso valuteremo meglio anche la richiesta di una safe zone".

"Attacchi aerei e di artiglieria continuano a prendere di mira le posizioni dei combattenti, gli insediamenti civili e l'ospedale di Serekaniye/Ras al Ayn", ha denunciato Mustafa Bali, responsabile della comunicazione delle Forze democratiche siriane a guida curda. La Turchia terminerà "totalmente" la sua offensiva militare in Siria solo dopo il ritiro dei combattenti curdi dalla zona di sicurezza di circa 30 km concordata con la Turchia. "Abbiamo concordato che ritireremo le armi pesanti delle Ypg, distruggeremo i loro avamposti" ha assicurato Cavusoglu. Si andrà a creare così una safety zone come voluto dal governo turco che ne avrà il controllo. Il governo di Ankara considera infatti "terroristi" i miliziani curdi delle Ypg.

"Il nostro impegno con la Turchia è che collabori con i membri dell'Ypg per facilitare un ritiro ordinato nelle prossime 120 ore". Secondo le forze curde, l'elicottero è stato abbattuto da mitragliatori curdi, ma non ci sono conferme, e non si conoscono le sorti dell'equipaggio del velivolo.

Investire nel Forex con meno rischi
Questi tipi di manovre finanziarie sono molto comuni tra uomini e donne d'affari che cercano di moltiplicare i loro soldi. A seconda della tua situazione finanziaria e della tua età, c'è una vasta gamma di opzioni per te.

"Non accetteremo l'occupazione del Nord siriano e dobbiamo vedere i dettagli dell'accrordo tra Pence e Erdogan", ha sottolineato il leader curdo siriano.

"È un grande giorno per la civiltà", ha esclamato il presidente americano, anticipando per pochissimi minuti l'annuncio fatto dal suo vice.

Donald Trump, intanto, ha scritto una lettera al presidente Erdogan: "Non fare il duro", avrebbe scritto il presidente Usa nella lettera, come riporta Ansa: "Lavoriamo a un buon accordo".

Comments