Vaccino antinfluenzale: presto il via

Adjust Comment Print

Dal 15 ottobre 2019 inizia la "Campagna di vaccinazione antinfluenzale e sorveglianza epidemiologica e virologica dell'influenza per la stagione 2019-20". Nella campagna sono coinvolti anche i farmacisti che, in virtù dell'accordo siglato dalla Regione con Federfarma e Assofarm, consegneranno i vaccini ai medici e ai pediatri. Che l'efficacia non sia al 100% è vero, ma se anche si dovesse prendere l'influenza nonostante la vaccinazione, questa la contrae in modo più lieve e la possibilità di finire in ospedale o con complicanze gravi è comunque più bassa.

Informazioni dettagliate ed aggiornate saranno disponibili sul sito della Regione Piemonte www.regione.piemonte.it/sanita e possono essere richieste direttamente ai medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta o ai servizi vaccinali delle ASL.

Con l'inoltrarsi dell'autunno torna lo spauracchio rappresentato dell'influenza di stagione, che come ogni anni si appresta a colpire migliaia di lecchesi.

"Il nostro obiettivo è aumentare le coperture vaccinali soprattutto nelle categorie a rischio, perché bisogna ricordare che l'influenza può portare a complicanze anche mortali".

Calciomercato Reggina, che senso avrebbe l’acquisto di Mastour?
I tifosi amaranto, infatti, sono pronti, dopo l'arrivo di Denis, a registrare un altro colpo per il reparto offensivo della squadra calabrese.

Falso. L'influenza non è grave se il soggetto di per sé gode di buona salute e se il virus responsabile non è troppo aggressivo. Lo scorso anno sono stati 764 i casi gravi da influenza confermata in soggetti ricoverati in terapia intensiva, e di questi 173 sono deceduti. Il vaccino impiega circa una o due settimane per essere efficace. L'antibiotico può essere assunto nel caso di infezioni batteriche derivate da complicazioni dell'influenza, ma mai senza controllo medico. "Quest'anno - dicono dall'Aienda Sanitaria - si auspica una maggiore adesione alla vaccinazione, l'obiettivo che ci si propone è quello di riuscire a vaccinare il 75% delle persone che fanno parte delle categorie indicate". L'anno scorso sono stati vaccinati 11.911 soggetti a rischio, individuati in base agli elenchi di esenzione ticket per patologia, registrando una copertura vaccinale pari al 42,6 con un significativo miglioramento rispetto all'anno precedente (26%). "In realtà- spiega Paolo Bonanni, ordinario di Igiene all'Università degli Studi di Firenze, in occasione del Congresso nazionale della Società Italiana di Igiene (SItI) in corso a Perugia- le previsioni su numeri e gravità sono pressoché impossibili: il virus influenzale è maestro di trasformismo ed è capace di stupirci sempre".

Il vaccino antinfluenzale è completamente gratuito per gli over 65 anni, per i soggetti a rischio di ogni età con patologie croniche, donne in gravidanza, per il personale sanitario e di pubblica sicurezza e, novità di quest'anno, anche per i donatori di sangue. "Voglio rivolgere un ringraziamento per il loro impegno e un invito a vaccinarsi al personale medico e i professionisti sanitari".

Un gesto semplice ed economico, come il lavarsi spesso le mani, in particolare dopo essersi soffiati il naso o aver tossito o starnutito, costituisce un rimedio utile per ridurre la diffusione dei virus influenzali, così come di altri agenti infettivi.

Comments