Arbitri: furia De Laurentiis. Preziosi tace

Adjust Comment Print

È un Aurelio De Laurentiis infuriato quello del dopo Napoli-Atalanta.

Pari e veleni al San Paolo tra Napoli e Atalanta, con i padroni di casa che non hanno digerito il gol del 2-2 definitivo di Josip Ilicic, a loro dire viziato da un fallo da rigore di Kjaer su Llorente.

A velocità normale è rigore tutta la vita. Cos'è questa cafonata dell'arbitro che si permette di buttare fuori un signore come Ancelotti? L'intoccabilità di Rizzoli e degli arbitri è insopportabile.

Con l'introduzione del Var si pensava che molti problemi relativi agli errori arbitrali fossero stati risolti. Era abituato in Inghilterra che è un altro mondo. Il problema non è questo: credo semplicemente che Rizzoli e Nicchi non svolgano al meglio il loro mestiere. Senza di noi andrebbero a pelare le patate.

Clima, a Madrid il vertice cancellato dal Cile
L'azione urgente per il clima è indissolubilmente legata alla vulnerabilità sociale, alla giustizia ambientale e a una transizione equa.

Ancelotti ha poi descritto le modalità della propria espulsione: "Giacomelli mi ha chiesto 'Aiutami a fare ordine', gli ho risposto: 'Ma non ti viene il dubbio che hai sbagliato?'".

"Ho il diritto per i soldi che investo nel calcio, per il rispetto dei miei calciatori, per il rispetto anche dell'altra squadra, di vedere le immagini al Var - la conclusione - Non possiamo pagare e comprare giocatori per centinaia di milioni, non possiamo permettere che la maggior parte delle squadre di Serie A dell'alta classifica abbiano 500, 600 milioni di debiti per far giocare questi signori a che cosa?" Rizzoli e Nicchi? Sapete tutto.

Tranne che in un paio di occasioni, hanno sempre onorato la maglia. "Ci sono altre 28 partite, avremo modo di rifarci e di stare vicino alla squadra".

Ci siamo stancati di dipendere dalla classe arbitrale.

Comments