Lega: Salvini, 'ringrazio Ruini per sue parole, spero di incontrarlo'

Adjust Comment Print

Messo da parte il rispetto che ho per il cardinale Camillo Ruini, dall'intervista al Corriere della Sera emerge la difesa di una linea che, a mio parere, è stata suicida, ovvero quella di clericalizzare popolo ed ex partiti di ispirazione cristiana.

Un bel pezzo di Chiesa, insomma, si rifiuta di demonizzare il Capitano e la prova sono anche i giudizi dell'88enne cardinale emiliano sul famigerato bacio al rosario esibito da Salvini nelle piazze di tutta Italia. "Il gesto -rileva il cardinale - può certamente apparire strumentale e urtare la nostra sensibilità. Può essere anche una reazione al "politicamente corretto", e una maniera, pur poco felice, di affermare il ruolo della fede nello spazio pubblico". La tassa sulle auto aziendali rasenta il cretinismo, come se chi ha un reddito di 34-40 mila euro fosse un riccone. Conte, Di Maio e Renzi annunciano di spedire in Germania poche decine di immigrati scaricati in Italia dalla solita Ong, ma poi si piegano di nascosto a Berlino e accettano 50 profughi AL MESE, tutti i mesi. E le sue posizioni sembrano distanti da quelle emerse dal sinodo sull'Amazzonia. Si fa due selfie, dice due cretinate su una terra e una regione che non conosce.

Berrettini alle Atp Finals
Matteo Berrettini parteciperà alle Atp Finals in programma a Londra dal 10 novembre, terzo italiano della storia dopo Adriano Panatta e Corrado Barazzutti .

Il leader della Lega prende l'occasione al balzo e subito dichiara: "Ringrazio il Cardinal Ruini, che spero di poter incontrare, per le parole che invitano al confronto, all'apertura, alla riflessione e all'incontro, per lo sviluppo di valori, principi e idee che sono molto spesso comuni. Sui migranti vale per Salvini, come per ciascuno di noi, la parola del Vangelo sull'amore del prossimo; senza per questo sottovalutare i problemi che oggi le migrazioni comportano".

Eminenza, sul "Corriere" Ernesto Galli della Loggia ha scritto che il voto in Umbria certifica "l'inconsistenza del richiamo politico disegno cattolico-democratico, nonostante l'impegno diretto della Chiesa". E aggiunge: "Che poi da lì la realpolitik spinga addirittura al sostegno a Salvini - prosegue Ceccanti - nel momento in cui appare vincitore dei sondaggi, forse proprio questo potrebbe essere criticato come cedimento allo spirito del tempo".

Comments