Il leader degli ultras del Verona sospeso fino al 2030

Adjust Comment Print

Sono le parole del capo ultrà dell'Hellas Verona, Luca Castellini, intervistato al 'Morning Show' dell'emittente veneta Radio Café. "Oggi non c'era proprio niente di razzista". Chi è razzista allo stadio lo è anche nel mondo civile e nella società, non si può pensare che lo stadio sia un mondo a parte.

Siamo decisi a denunciare una campagna mediatica contro la città di Verona da parte di alcuni politici e di alcuni giornalisti che non hanno perso occasione di gettare fango sulla città. Io sono croato e per me ho sentito spesso 'zingaro di merda´ - ha ribadito Juric, parlando a Sky -.

Hellas Verona, arriva la forte presa di posizione
Come annunciato , è arrivato il daspo della società Hellas Verona a Luca Castellini e durerà fino al 2030. Comportamento ed espressioni gravemente contrarie ai principi etici ed i valori del club.

E nel 2012 Castellini ha avuto gli onori di una pagina sul Corriere della Sera perché ha inneggiato a Hitler durante una festa dei tifosi del Verona. "Sono tantissimi i ragazzi di colore che vestono gialloblù dalle Giovanili alla Prima Squadra, il razzismo è un discorso che per noi non esiste e Verona non è il posto giusto per simili generalizzazioni". "Oggi allo stadio c'ero e non ho sentito alcun insulto razzista". Cinque consiglieri comunali di maggioranza tra cui Andrea Bacciga - che sta affrontando un processo per apologia del fascismo per aver fatto il saluto romano in consiglio comunale - hanno depositato una mozione per impegnare il sindaco ad "adire le vie giudiziali nei confronti del calciatore e di tutti coloro che attaccano Verona diffamandola ingiustamente". "E come me, le molte altre persone che a fine partita mi hanno scritto e contattato". Il Verona ha optato per la mano pesante, per dare un forte segnale. Ora che si ha addirittura una società connivente, il minimo che si possa fare è sospendere la squadra del campionato. L'italiano Mario Balotelli, agli ennesimi ululati e insulti xenofobi nei suoi confronti della tifoseria di casa, ha preso la palla e l'ha scagliata verso quel covo di neofascisti e razzisti che è la curva dell'Hellas Verona.

Mario Balotelli torna sull'episodio avvenuto nella gara tra Verona e Brescia con alcuni tifosi del Verona che hanno fatto dei cori a sfondo razzista nei confronti del giocatore del Brescia, parlando a LeIene, nella puntata che andrà in onda stasera dalle 21.15 su Italia 1.

Comments