Traffico internazionale di eroina: arresti anche a Napoli

Adjust Comment Print

Questa mattina, nei territori di Castel Volturno, Casal di Principe, Napoli, Corigliano - Rossano, Sassari, Latina, Roma, nelle province di Firenze, Parma e presso le case circondariali di Trento, Santa Maria Capua Vetere, Napoli Secondigliano e Paola, i Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere unitamente ai colleghi della Stazione di Grazzanise, hanno dato esecuzione ad un'ordinanza applicativa di misure cautelari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli -Direzione Distrettuale Antimafia-, nei confronti di cittadini di nazionalità nigeriana, ghanese ed italiana, ritenuti responsabili a vario titolo, di associazione per delinquere dedita all'importazione, distribuzione in Europa ed in Italia e cessione sul territorio nazionale di ingenti quantitativi di eroina. Nel corso dell'intera operazione sono stati sequestrati complessivamente 976 ovuli e 2 pacchi occultati nei bagagli per un peso di 19 chili.

Il provvedimento cautelare costituisce l'esito di un'attività investigativa, inizialmente coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e successivamente, attesa la sussistenza di reati associativi a carattere transnazionale, dalla Direzione Distrettuale Antimafia. Grazie alle indagini, iniziate nel febbraio del 2015 e conclusesi oggi, è stata scoperta l'esistenza e l'operatività di un'organizzazione criminale composta in prevalenza da cittadini nigeriani, che si occupava di importare e distribuire grosse quantità di eroina dal Pakistan all'Italia, attraverso la Nigeria, il Niger, il Malawi, l'Uganda, la Tanzania, il Ruanda, la Turchia e l'Olanda.

L'indagine ha identificato le persone che erano a capo di questo gruppo criminale, due vivono a Castel Volturno e Villa Literno e un'altra in Ruanda.

Dalle intercettazioni registrate durante gli accertamenti sembra inoltre che tra i fornitori africani e gli importatori europei si annoverassero, quali ulteriori intermediari, appartenenti alle forze di polizia dei Paesi africani e dipendenti delle dogane africani che, al soldo dei trafficanti, facilitavano il passaggio dei corrieri ai varchi aeroportuali, o fornivano visti d'ingresso falsi.

Hellas Verona, arriva la forte presa di posizione
Come annunciato , è arrivato il daspo della società Hellas Verona a Luca Castellini e durerà fino al 2030. Comportamento ed espressioni gravemente contrarie ai principi etici ed i valori del club.

Tutti gli indagati si sono resi responsabili, singolarmente ed in concorso, di 24 importazioni di droga dall'estero e 117 episodi di cessione a terzi. L'eroina veniva pagata tra i 30mila e i 40mila euro al chilo all'ingrosso, attraverso circuiti internazionali di money transfer e accrediti su carte PostePay.

I corrieri prendevano dai 3mila a 6mila euro, la tariffa variava a seconda della lunghezza del viaggio e della capacità di "mangiare bene", ovvero di trasportare gli ovuli nella pancia; per ogni viaggio ingoiavano tra il mezzo chilo e il chilo e mezzo di eroina.

Per eludere le indagini i capi e i gregari usavano schede telefoniche intestate ad altre persone, posta elettronica con provider stranieri, call center, Internet Point e il software di messaggistica istantanea Skype.

UDENKA Chibuike, nato in Nigeria cl'76.

Comments