Douglas Costa: "Trequartista? A Mosca facevo fatica a trovare spazio"

Adjust Comment Print

Queste le parole dell'attaccante della Juventus Douglas Costa ai microfoni di Sky Sport sul tema del razzismo negli stadi.

Lo stesso giocatore, alla fine della partita, ha dichiarato: "Sì, è uno dei gol più importanti che ho fatto alla Juve".

"Ha ucciso la madre a pugni" Ragusa, arrestato un uomo
Ricoverata in ospedale in condizioni critiche, la vittima morì dopo venti giorni di agonia. Da subito i sospetti si sono concentrati sul figlio dell'anziana donna.

"Ero in posizione da trequartista e faticavo a trovare spazio". Così parlando con Bonucci e Dybala ho pensato di spostarmi sulla sinistra. Una volta saltati i due difensori - racconta l'ex Bayern -, ho visto che c'era spazio per puntare alla porta, e grazie al colpo di tacco, molto intelligente, di Higuain, ne è uscita un'azione molto bella. Non sono abituato a togliermi la maglietta dopo un gol, ma è stato un momento di liberazione. "La dedica va alla fidanzata Natalhia, è una persona importante per me, mi ha aiutato in un momento difficile e l'ho ricompensata con un gol ma continuerò a regalarle anche le rose". "Per quello che gli è accaduto posso dire che il razzismo esiste da moltissimo tempo, io lo capisco bene, per la mia pelle e mi batto totalmente contro di esso perchè penso che siamo tutti uguali e con le nostre famiglie difendiamo i nostri principi".

Archiviata la pratica Champions, ora la Juventus non deve distrarsi perché domenica sera all'Allianz Stadium arriverà un Milan che ha maledettamente bisogno di punti. "Il Milan del passato era una squadra fenomenale che vinceva tutto, ma credo che anche oggi sia comunque una buona squadra - ammonisce Douglas Costa -, che merita grande rispetto".

Comments