Napoli, giocatori contestati fuori dal San Paolo. Poi tutti in ritiro

Adjust Comment Print

Calcio Napoli | "Deporre le armi, fare un passo indietro, porre una pietra tombale su quanto accaduto e di ricompattare l'ambiente". Nel pieno caos nei rapporti tra club e calciatori, dopo la ribellione contro il ritiro imposto dal presidente De Laurentiis, sono circa un centinaio, su circa diecimila, gli abbonati che sono in tribuna per assistere alla sessione di allenamento sugli spalti dello stadio. "Le societa' di calcio hanno la peculiarita' di essere sostanzialmente animate dalla passione". Sarebbe inutile. Di tale danno e di tale violenza a oggi nessuno ha parlato.

Un messaggio che non ha bisogno di troppe traduzioni.

In Bolivia poliziotti ammutinati contro Morales: il presidente grida al golpe
Poco dopo si è dimesso anche il il ministro degli Idrocarburi, Luis Alberto Sanchez . Secondo i media boliviani è in partito in aereo verso una destinazione ignota.

Il terremoto in casa Napoli non accenna a placarsi e da Castelvolturno arrivano notizie di ulteriori atteggiamenti caotici, a complicare ancor di più la scottante situazione. "Prendere le posizioni dei calciatori o del presidente o dell'allenatore è superfluo", proseguono i tifosi azzurri. "Noi siamo dei visionari", concludono i tifosi del Napoli.

Comments