De Sica, horror-comedy con omaggio a papà

Adjust Comment Print

Alla fine della chiacchierata con la conduttrice, il figlio del maestro del cinema Vittorio De Sica, ha toccato il sedere alla Venier.

Un thriller-horror travestito da commedia che racconta di tre bizzarri fratellastri, che alla morte del padre, decidono di aprire un'agenzia di acchiappafantasmi per sfruttare l'ingenuità popolare dei napoletani, finché non si accorgono che gli spiriti esistono davvero. Ma poi non siamo riusciti ad avere i diritti per il remake. "A differenza dei film che ultimamente si fanno su Napoli, che hanno a che fare con la camorra e sono ambientati in una Napoli buia e nera, questo film rispecchia la Napoli luminosa, una Napoli come quella di mio padre, positiva, nonostante i fantasmi!"

Il padre Vittorio nel film è interpretato ovviamente da Christian con straordinaria verosimiglianza, i capelli sale e pepe, il fare elegante.

Christian De Sica: "Mio padre Vittorio?". Forte degli otto milioni e mezzo di incassi di Amici come prima del 2018, De Sica sa che stavolta si gioca una partita diversa: "Non c'è Boldi, non siamo a Natale e in questo periodo tutti i film italiani, a parte quello di Alessandro Siani, stanno andando male". I fan sapranno che non è la prima volta, già in A spasso nel tempo, l'attore si era calato nei panni Vittorio De Sica, o meglio del maresciallo Carotenuto di Pane amore e...

La Francia vince la Fed Cup: 3-2 all'Australia
Si proseguirà poi domenica, sempre a partire dalle ore 4 italiane, con i singolari "invertiti": Barty affronterà Mladenovic e Tomljanovic giocherà con Garcia.

"Mi ero iscritto all'università, mio padre si vantava che aveva un figlio iscritto a storia dell'arte". Ogni tanto arrivava una telefonata a casa con qualcuno che diceva di essere mio fratello o sorella. Un donnaiolo vero insomma. E proprio parlando del film in prossima uscita, Christian De Sica ha voluto fare un apprezzamento al modus vivendi napoletano, spiegando che a suo avviso sono proprio i partenopei ad avere una marcia in più rispetto ai romani come lui. "Oggi sono troppo vecchio per interpretare mio padre a 45 anni, ma sarebbe bello fare questo film o con Indiana o con Netflix". "E in questo devo dire grazie a mio figlio Brando che è un vero esperto del genere".

Ancora De Sica: "Questo è un paese che dimentica troppo facilmente e così ogniqualvolta si parla di mio padre sono felice". 'Facevo le serate di nascosto da mio padre', ha raccontato, aggiungendo che sua mamma invece lo copriva. Decisivo per Sono solo fantasmi l'intervento del figlio Brando, che ha curato gli effetti speciali.

Christian De Sica, ospite di Domenica In, ha raccontato molti aneddoti sulla propria vita, soprattutto quella familiare. Ma io non volevo più fare una commediola. Diventa produttrice cinematografica firmando i film "3" e "Simpatici & antipatici", entrambi film diretti dal marito Christian e lo spettacolo teatrale "Parlami di me". "Ti salutano intanto con le pacche sulle spalle, ma poi quando il botteghino va male ci vuole un attimo a far finta di non conoscerti".

Comments