Disastro Ferrari Vettel e Leclerc si buttano fuori

Adjust Comment Print

Settima piazza per la Renault di Daniel Ricciardo che ha preceduto la McLaren di Lando Norris e la Racing Point di Sergio Perez. Oggi, curiosamente, c'è chi ha invocato la mancanza di polso del muretto, che avrebbe dovuto imporre a Vettel di dare strada a Leclerc. La macchina n.44 (Hamilton, ndr.) ha cercato il sorpasso, ma non è stato in grado di spingersi abbastanza all'interno per perfezionare la manovra. "Speriamo, pensando alla gara, di poter proseguire su questa linea". Come non detto: al giro 42/71 seconda e ultima sosta del finlandese, per montare la gomma media, un giro dopo stesso discorso per Hamilton. Nel secondo sono andato meglio. È un doppio zero pesantissimo per Maranello che permette all'olandese della Red Bull Max Verstappen, vincitore della corsa, di scavalcare entrambi in classifica piloti e agguantare il terzo posto, dietro alle due Mercedes. Gomma morbida contro gomma media per ravvivare il finale di questo penultimo GP della stagione. Un distacco minimo che il tedesco a caldo ha ricondotto via radio a un errore commesso nel suo primo tentativo, con un rammarico del tutto simile a quello espresso da Charles Leclerc.

Mancini: "Voglio vincere anche in Bosnia. In attacco tocca a Belotti"
Per Mancini bisogna fare molta attenzione ai prossimi rivali: "La Bosnia ha sempre vinto in questo stadio, porta bene. Il c.t. dice che la formazione è fatta , a parte due dubbi: "Uno sul terzino destro e uno sul centrocampista".

Il pilota della Red Bull ha così centrato la terza vittoria in questo campionato dopo le affermazioni colte in Germania e in Austria. Danni anche alla posteriore destra di Vettel. Si ritira anche Sebastian. Pierre Gasly ha chiuso settimo con la Red Bull e nella top 10 sono entrati poi le Haas di Romain Grosjean e Kevin Magnussen, ottava e decima, e l'Alfa Romeo di Kimi Raikkonen, quest'ultimo beniamino della 'torcida', tutte motorizzate Ferrari.

Comments