Disastro Ferrari Vettel e Leclerc si buttano fuori

Adjust Comment Print

Settima piazza per la Renault di Daniel Ricciardo che ha preceduto la McLaren di Lando Norris e la Racing Point di Sergio Perez. Oggi, curiosamente, c'è chi ha invocato la mancanza di polso del muretto, che avrebbe dovuto imporre a Vettel di dare strada a Leclerc. La macchina n.44 (Hamilton, ndr.) ha cercato il sorpasso, ma non è stato in grado di spingersi abbastanza all'interno per perfezionare la manovra. "Speriamo, pensando alla gara, di poter proseguire su questa linea". Come non detto: al giro 42/71 seconda e ultima sosta del finlandese, per montare la gomma media, un giro dopo stesso discorso per Hamilton. Nel secondo sono andato meglio. È un doppio zero pesantissimo per Maranello che permette all'olandese della Red Bull Max Verstappen, vincitore della corsa, di scavalcare entrambi in classifica piloti e agguantare il terzo posto, dietro alle due Mercedes. Gomma morbida contro gomma media per ravvivare il finale di questo penultimo GP della stagione. Un distacco minimo che il tedesco a caldo ha ricondotto via radio a un errore commesso nel suo primo tentativo, con un rammarico del tutto simile a quello espresso da Charles Leclerc.

Lecce calcio, Liverani: "Con Lazio creato tanto, peccato per gli errori"
Io non faccio il babysitter a giocatori di trent'anni, faccio l'allenatore che dà delle regole. A lui non posso rimproverare nulla in quanto ha sempre dato il massimo.

Il pilota della Red Bull ha così centrato la terza vittoria in questo campionato dopo le affermazioni colte in Germania e in Austria. Danni anche alla posteriore destra di Vettel. Si ritira anche Sebastian. Pierre Gasly ha chiuso settimo con la Red Bull e nella top 10 sono entrati poi le Haas di Romain Grosjean e Kevin Magnussen, ottava e decima, e l'Alfa Romeo di Kimi Raikkonen, quest'ultimo beniamino della 'torcida', tutte motorizzate Ferrari.

Comments