La Trenta ha rinunciato all'alloggio (del marito)

Adjust Comment Print

Intervistata a Radio 24, l'ex Ministro, infatti, ha comunicato che "mio marito, che è il titolare dell'alloggio, pur essendo tutto regolare e non essendoci nulla che ci debba far sentire in imbarazzo, per salvaguardare la serenità della famiglia sta presentando istanza di rinuncia per l'alloggio, l'ha già fatto".

Intanto la Procura militare di Roma ha aperto un fascicolo senza indagati né ipotesi di reato. Secondo quanto si apprende, si tratta di un'indagine meramente conoscitiva per compiere i dovuti accertamenti sul caso.

LA DIFESA - La procedura era "regolare", ha replicato lei più volte alle decine di attacchi bipartisan al suo indirizzo. Cosa ha cambiato in fretta e furia l'ex Ministro Trenta? In altre parole, ci si augurerebbe che vi fosse stato qualcuno o qualcosa che avesse sconsigliato, o meglio impedito, alla coppia Passarelli-Trenta, di rimanersene nello stesso alloggio.

"Il Volo - 10 anni insieme": il concerto da Matera
Infatti come accennato prima verrà trasmesso oggi in prime time sulla rete ammiraglia Mediaset e non sarà solo un concerto. Il live tenuto a Matera lo scorso giugno, arricchito da interviste ed altri contenuti inediti, ha fatto centro .

La casa della Difesa in zona San Giovanni in Laterano, a Roma, 'ricevuta' come appartamento "di servizio" quando era nel governo resterà nella sua disponibilità. E' stato assegnato a mio marito perché lo prevede un regolamento, ha le caratteristiche per usufruire di quella assegnazione.

Alla fine, travolta dalle polemiche, Elisabetta Trenta ha rinunciato all'appartamento dello scandalo. "I nostri valori sono incompatibili con l'intenzione di mantenere l'appartamento", ribadisce il blog del M5S.

Poi il Ministro si è lasciata andare a considerazioni pesanti circa un complotto che potrebbe nascondersi dietro gli attacchi di questi giorni: "Durante il mio mandato io mi sono occupata delle esigenze di tutti i militari". "Quindi ci auguriamo che Elisabetta Trenta lasci la casa e se il marito, in quanto militare, ha diritto ad un alloggio può fare domanda e lo otterrà". Ma lei ha tenuto il punto, spiegando che la casa è stata riassegnata al marito, militare, avendone pieno diritto, in osservanza di ogni regola. L'alloggio destinato al maggiore dista 3 chilometri dal palazzo dell'Esercito, "7 - ricostruisce il ministero - da quello di proprietà", che si trova al Pigneto. Il maggiore Passarelli tecnicamente ha diritto all'alloggio di servizio ma, ed è questa la ragione per la quale il caso è esploso, l'appartamento riservato all'ex ministro Trenta sarebbe passato nelle disponibilità del marito senza soluzione di continuità. "Sono una cittadina come gli altri, chiedo e pretendo rispetto". "Se le indiscrezioni risultassero vere, saremmo di fronte ad un comportamento molto grave, anche perché coinvolgerebbe una esponente di primissimo livello del M5S", afferma il capogruppo Pd al Senato, Andrea Marcucci che preannuncia una interrogazione parlamentare.

Comments