M5S: Grillo, Di Maio non va sostituito, io ci sarò di più

Adjust Comment Print

Ma gli hanno risposto che le liste alle regionali vanno presentate. Intanto il coordinatore della campagna per le regionali calabresi, Paolo Parentela, si è dimesso. "In Calabria c'è già un candidato civico che sosterremo".

La parola quindi ancora una volta torna agli iscritti della Piattaforma Rousseau, gli stessi che hanno dato semaforo verde sia al matrimonio di governo col Pd che all'alleanza con i dem in Umbria. Se non è commissariamento, poco ci manca. "Un referente ci vuole", ha dunque aggiunto Grillo. La sociologia ha dimostrato che in un movimento destrutturato si creano gerarchie di fatto, che possono trasformarsi in caminetti o gigli magici: un movimento senza struttura non è più democratico, al contrario. Personalmente avrei circoscritto il voto solo all'Emilia Romagna e alla Calabria, in ogni caso l'esito di Rousseau ha espresso chiaramente che bisogna presentarsi senza paura, senza temere l'insuccesso. "Questa risposta chiede al Movimento di andare avanti come un treno".

Ma poi viene al punto: "Io quando penso a come eravamo, eravamo una meraviglia con un manager che organizzava, un pazzo sul palco, ora c'è da riprogettare, dobbiamo essere euforici, dobbiamo essere straordinariamente euforici", spara, e subito dopo la butta sugli indiani che costruiscono e distruggono. Al suo fianco si schiera Grillo che al termine dell'incontro tuona: "Noi non possiamo continuare a fare dei Facebook in cui si dice questo qua non va bene. Non chiudiamo le porte a priori ma è certo che la condivisione dei programmi sarà cruciale". "Questo stiamo cercando di fare" - ha detto il ministro Di Maio. "Quello che abbiamo regalato e condiviso con il MoVimento fino ad oggi e che ci permette di vedere davvero se lo vogliamo!". Come noto, gli iscritti alla piattaforma Rousseau avevano sconfessato la linea dei leader e chiesto che i 5 Stelle presentassero comunque le liste per le Regionali, con un voto a larghissima maggioranza che ha aperto la crisi in casa grillina. Secondo alcune indiscrezioni, tra Conte e Grillo ci sarebbero diversi contatti telefonici, in vista, presumibilmente, di una futura leadership del premier nel Movimento 5 Stelle.

Cile, è ancora avvolta nel mistero la morte di Daniela Carrasco
Ma i collettivi femministi non credono a questa versione dei fatti: "È stata catturata, torturata e impiccata a un albero ". Sono ormai 4 settimane che il Cile è teatro di una serie di proteste contro i costi del servizio pubblico .

Il Movimento 5 Stelle sta attraversando una fase difficile della sua storia politica. "E non per procrastinare la presa di coscienza dell'inevitabile, ovvero che il ruolo del Capo politico singolo ha fallito e che l'unica grande riappropriazione della propria identità è lavorare come intelligenza collettiva, riconoscendola e rispettandola".

Si ma nelle Marche cosa accadrà? "Lunedì mattina sarò in Calabria e in Emilia Romagna nel pomeriggio: iniziamo. Sappiamo che sarà dura, ma uniti ce la faremo".

Comments