Sardine: il movimento 'sbarca' a Palermo

Adjust Comment Print

Le Sardine, il movimento spontaneo nato nel cuore dell'Emilia, sbarca anche in Sicilia, programmando diversi appuntamenti tra Palermo e Catania.

"Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ieri ha partecipato alla manifestazione dichiaratamente di sinistra, organizzata dalle sardine, che si è tenuta davanti al Teatro Massimo, aderendo non a titolo personale ma dell'amministrazione comunale, utilizzando addirittura il sito istituzionale e i canali social ufficiali del Comune".

Una piazza piena, non solo di giovani, e un messaggio ripetuto: "Populisti, la festa è finita". Per quanto riguarda Catania, l'appuntamento delle Sardine sarebbe in fase di organizzazione.

Tennis, Coppa Davis, azzurri sconfitti dal Canada si giocano tutto con Usa
Fognini ha infatti steccato al debutto: il ligure ha ceduto infatti al canadese Pospisil in due set. Nel Gruppo D, dunque, deciderà il primato lo scontro diretto tra gli australiani e il Belgio .

La piazza dice basta alla comunicazione politica aggressiva: "Avete rovesciato odio e bugie, mescolando verità e menzogne", incalza Chiara Puccio, una delle organizzatrici della manifestazione, "Ma ora la corda, troppo tesa, si è spezzata". "Sono qui per una nuova narrazione, noi siamo contro l'intolleranza, il razzismo e l'odio che stanno dilagando in Italia", dice.

Gli organizzatori hanno ribadito che non si tratta di una dimostrazione politica: "Questa piazza rappresenta una maggioranza silenziosa che si è svegliata e che afferma che i problemi dell'Italia non sono colpa del diverso". "Fuori la Lega da Palermo" hanno urlato i manifestanti, intonando subito dopo Bella Ciao. "Invece abbiamo bisogno di una politica che sappia prima di tutto ascoltare le ragioni degli altri". "Contro questi rigurgiti di violenza serve una risposta che arrivi dall'intera Europa". Un altro manifestante si avvicina: "Qui i leghisti e Salvini non sono i benvenuti". Palermo non si lega, Siamo tutti antifascisti. "Pensiamo - scrivono - che come studenti universitari facenti parte di un'associazione che promuove idee e contenuti multiculturali, aperti, tolleranti e pacifici, sia nostro dovere oltre che nostro diritto riunirci in piazza per stringerci fino a soffocare e mostrare di essere in molti, più di loro". Daniela, 57 anni, a Palermo è arrivata da sola in pullman da Piazza Armerina. "Se tornasse lui al governo avremmo di nuovo i suoi provvedimenti immondizia - dice -". In piazza però non ci sono stati partiti o bandiere.

Comments