Sarri fa un annuncio su Cristiano Ronaldo

Adjust Comment Print

La Juventus, archiviato il girone di Champions League, si rituffa nel campionato, con i bianconeri impegnati in casa allo Stadium contro l'Udinese. Prosegue bene, oggi lavorerà in parte con la squadra. "Chiaro che una partita di Champions porta via tante energie, soprattutto dal punto di vista mentale".

Staremo a vedere che cosa accadrà e se effettivamente questa ipotesi verrà confermata oppure no, ma tutto dipenderà dai risultati che l'allenatore otterrà nelle prossime partite. Sarri è pragmatico: "L'aggressività non ha niente a che vedere con l'offensività: è la mentalità, che non è certo mettere un attaccante in più o in meno". Il tecnico non schiererà il tridente pesante: "Per fare giocare insieme Ronaldo, Higuain e Dybala ci vogliono determinate condizioni. CR7?"

"Stanno bene con condizioni diverse".

La Gran Bretagna sceglie Johnson e la Brexit
La risposta dei cittadini britannici è stata inequivocabile con una maggioranza schiacciante per i conservatori . Anche Trump gli manda da oltreoceano le sue più grandi felicitazioni su Twitter.

Oltre al recupero di Bentancur, è certa la convocazione di Douglas Costa che ha ormai smaltito il problema ai flessori. "Ieri si sono mossi bene entrambi, su Douglas ho la riserva sulla tenuta". Bentancur, l'ho detto più volte, diventerà un top player. Ha qualità fisiche e tecniche sopra la norma. Quante possibilità ci sono che diventi una consuetudine? La sua sensazione e' che il recupero dai 90 minuti sia molto più veloce e rapido rispetto a 20 giorni fa.

A proposito di condizione, se Cristiano Ronaldo sembra in grande spolvero, in difficoltà Emre Can e Rabiot. "Ha intelligenza particolare e spiccata". "Emre Can invece ha avuto una delusione forte e ha fatto fatica a venire fuori", ha concluso Sarri. "È una squadra contro cui dovremo giocare con attenzione nelle posizioni sotto la linea della palla". "Non mi interessa in questo momento". Sono contento per il calcio italiano che ha portato tre squadre agli ottavi, può essere il segnale di un risveglio. Ci manca però la certezza di poter essere lì fino alla fine come accadeva negli anni '90. "Ma stiamo crescendo. Il sorteggio mi interesserà da domani sera". "In Champions non sempre trovi squadre così aperte. Se siamo competitivi in Champions dobbiamo esserlo anche in Italia". Tutte le squadre, finché non sbloccano il risultato, soffrono la mancanza di spazi.

Comments