SERIE C, caso Catania: "Tutti sul mercato, ecco la situazione del club"

Adjust Comment Print

L'ad (dimissionario) del club etneo, Lo Monaco, ammette ai microfoni di radio sportiva: "Il Catania non può più reggere una situazione debitoria pazzesca". La società etnea oggi è tornata sulla vicenda dei messaggi inviati ai calciatori, prendendo posizione per le critiche ricevute al fine di rasserenare la tifoseria e fare alcune precisazioni: "Con riferimento ai messaggi recentemente inviati ai nostri calciatori e dopo un'attenta analisi delle reazioni, il Calcio Catania - scrive la società in un comunicato - ritiene opportuno precisare e puntualizzare presupposti, senso e motivazioni delle diverse comunicazioni privatamente inoltrate ai tesserati martedì 24 dicembre".

I siciliani sono settimi in classifica nel Girone C, a distanza notevole dalla Reggina capolista (trascinata anche dai gol di German Denis) e dal Bari di De Laurentiis (secondo), con risorse limitate e una situazione ambientale divenuta durissima nelle ultime settimane (il caso dell'aggressione all'amministratore delegato, Pietro Lo Monaco).

Sulle possibili soluzioni per salvare la società dall'onta del fallimento: "Il nostro atteggiamento è serio e sereno, la comunicazione era arrivata in via privata". Il Calcio Catania Spa per la ben nota situazione debitoria non potrà far fronte agli adempimenti economici così come attualmente in essere. La stessa che viene indicata come "caratterizzata da introiti drasticamente ridotti anche in termini di incassi in occasione delle partite casalinghe, passati da 50mila euro a circa 8mila euro a partita, e nell'ambito della raccolta pubblicitaria".

Sara Tommasi, dai reality alla panetteria: la nuova vita
Una lunga intervista per raccontarsi a Canale 5 dove ha ripercorso idealmente i momenti più difficili vissuti negli ultimi anni. Sara però non dimentica il suo vecchio lavoro, verso il quale nutre delle speranze.

Lo Monaco ha poi aggiunto: "In questi anni non abbiamo avuto un punto di penalizzazione, significa che con gli stipendi siamo a posto". Per ora però nessun incontro con il presidente Pulvirenti. L'unica realtà che si è avvicinata al Catania è quella rappresentata dal signor Follieri, il resto solo tutte chiacchiere.

Il Catania versa in disperate condizioni economiche. Si parla infatti di una società con un centro sportivo (Torre del Grifo) tra i più all'avanguardia del Paese e che nel recente passato ha scritto pagine importanti in serie A. Dall'estate 2015 il declino dovuto al celebre scandalo calcio-scommesse con la retrocessione in Serie C e un ritorno in B più volte sfiorato, ma mai raggiunto.

Comments