Usa: attacco a sinagoga vicino NY

Adjust Comment Print

L'aggressione è avvenuta durante le celebrazioni della settima gornata di Channukah.

Un uomo di colore armato di machete è il colpevole dell'attacco contro i passanti nei pressi della sinagoga di "Rabbi Rottenburg's Shul" di Monsey, a circa 50 chilometri da New York. Almeno cinque persone sono rimaste ferite, di cui due in gravi condizioni.

Brooke 260 Double R
L'auto ha la capacità di passare da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi, una performance eccellente per questo tipo di auto. Questo la colloca nella categoria delle vetture super-leggere come tutte le altre vetture sportive della stessa categoria.

L'attacco si sarebbe svolto intorno alle 22, ora locale. Sarebbero tutti ebrei chassidisti. Dopo aver colpito con il machete i suoi bersagli, l'uomo avrebbe tentato la fuga, ma la polizia lo ha fermato nel quartiere newyorchese di Harlem. Di più. Come riferisce il sito dell'Ansa in queste ore, "l'autore, un afroamericano, che era riuscito a scappare dall'abitazione limitrofa alla sinagoga nonostante i vari tentativi di fermarlo (anche con un piccolo tavolo per bloccargli il passaggio), è stato arrestato dagli agenti". Yossi Gestetner, co-fondatore del OJPAC per la regione della Hudson Valley, ha riferito al New York Times che una delle vittime era un figlio del rabbino. "Vorrei essere chiaro: l'antisemitismo e il bigottismo di qualsiasi tipo sono ripugnanti per i nostri valori di inclusione e diversità, tolleranza zero verso tali atti di odio", ha avvertito Cuomo.

In un tweet il presidente di Israele Reuven Rivlin si è detto "scioccato e indignato per il terribile attacco di New York e preghiamo per i feriti affinché possano rapidamente recuperare". L'antisemitismo non è solo un problema ebraico, e certamente non è solo un problema dello Stato di Israele. "Dobbiamo lavorare insieme per affrontare questo male, che sta rialzando la testa ed e' una vera minaccia in tutto il mondo", ha affermato in una nota. L'episodio di Monsey si inserisce in una serie di attacchi antisemitici che si sono verificati negli ultimi giorni a New York. E infine, il numero uno dell'Anti-Defamation League aggiunge e conclude (per il momento): "Dopo gli attacchi dell'ultima settimana a Brooklyn e Manhattan spezza il cuore vedere ancora violenza. New York sta con la comunità ebraica", ha scritto il governatore di New York.

Comments