Samantha Cristoforetti spiega l'addio all'Aeronautica Militare

Adjust Comment Print

Una scelta personale, si è limitata ad affermare per il momento AstroSamantha, così come è stata ribattezzata dopo essere stata la prima donna di nazionalità italiana a compiere un volo nello spazio che tra il 2014 e il 2015 le ha permesso di giungere sulla stazione spaziale internazionale dove è rimasta in orbita per 199 giorni. In giornata le ultime formalità: Samantha nella base del 51° stormo di Istrana (in provincia di Treviso), ha dato l'addio all'arma con una cerimonia ufficiale. "Negli oltre 18 anni in Aeronautica Militare ha coronato il suo sogno di diventare astronauta e continuerà a portare nello spazio il Tricolore italiano". E "in previsione di questa 'scadenza' avevo informato i vertici dell'Aeronautica militare già all'inizio del 2019 sul fatto che avrei riflettuto, nel corso dell'anno, sull'opportunità o meno di continuare la doppia dipendenza da Esa e dalla forza armata".

Cristoforetti aggiunge di non essersi mai sentita "oggetto di discriminazione di genere" e inoltre sottolinea "ho sempre avuto il massimo supporto da parte della delegazione italiana alla Ministeriale Esa dello scorso novembre, tanto che l'Italia ha ottenuto l'impegno per un secondo volo per me entro qualche anno". Come sarà per la Cristoforetti che è stata salutata anche dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini: "Oggi lascia la grande famiglia della Difesa ma sarà sempre una risorsa per il Paese". AstroSamanhta inizia la lettera dicendo: "Dal 2009 sono impiegata in Esa in qualità di astronauta". Cristoforetti infatti rimane all'Esa, l'Agenzia spaziale europea. "Ho espresso il mio disaccordo nelle sedi appropriate ed ho ritenuto di congedarmi per coerenza e per mia sincerità, senza alcuna polemica. L'appartenenza alla Forza Armata ha avuto negli ultmii 10 anni un valore simbolico e affettivo".

Politica / M5S, fuori Paragone. Lui: "Sono stato espulso dal nulla"
In un secondo messaggio, infatti, il professore scrive: "E se Paragone fosse soltanto l'inizio di una serie di espulsioni? ". Ciò non ha impedito allo stesso Gianluigi Paragone di ringraziare Alessandro Di Battista per il commento .

Un saluto in "reciproca cordialità e senza polemiche", nonostante il "disaccordo su alcune situazioni". Considerando la luce verde ottenuta per gli altri programmi di interesse per il Paese (dal Vega C allo Space Rider, fino al sistema Copernicus e all'esplorazione spaziale), il biglietto per la Cristoforetti veniva salutato con giubilo dal Paese.

I risultati di Siviglia sono stati possibili proprio grazie alle nuove strutture istituzionali, che avevano permesso di schivare il rischio di un abbassamento di tensione nel passaggio tra Conte 1 e 2 (e dunque, per lo spazio, tra Giorgetti e Fraccaro). "E' vero - scrive su Twitter - che mi sono congedata dall'Aeronautica militare il 31.12.2019".

Comments