Nuovo digitale terrestre, ecco come verificare le tv compatibili

Adjust Comment Print

Il canale test della Rai si trova al numero 100: una volta raggiunto il canale se la nostra tv non necessita di essere sostituta appare sullo schermo la scritta "Test HEVC Main10". All'interno dei due canali non sono trasmessi veri e propri programmi televisivi, ma semplici cartelli fissi che visualizzano un messaggio testuale. Chiaramente, per gli utenti che si troveranno di fronte ad una schermata nera varrà l'opposto.

Il cosiddetto "test del telecomando" può essere effettuato in totale autonomia e prevede che ci si colleghi ai canali predisposti per verificare la funzionalità del televisore in vista del nuovo digitale terrestre. Molti televisori oggi in funzione, anche di recente fabbricazione, non saranno più compatibili con la trasmissione del nuovo digitale terrestre Dvb-T2, che sostituirà quello attualmente utilizzato (il Dvb-T).

Nel caso in cui non si veda la scritta, si può risintonizzare i canali e tentare di nuovo, oppure i canali 100 e 200 sono già occupati da altre emittenti e quindi vanno spostate.

Nel mese di Luglio dello scorso anno, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha reso nota la roadmap per il passaggio allo standard DVB-T2, che avverrà dapprima attraverso l'attivazione della codifica DVB-T/MPEG-4 fissata al 1 Settembre del 2021, per poi attivare lo standard DVB-T2 a livello nazionale tra il 21 Giugno 2022 e il 30 Giugno 2022 (rimandiamo all'articolo dedicato per chi fosse interessato a scoprire nel dettaglio la roadmap definitiva).

Coppa Italia, diretta Parma-Roma su Rai2 e streaming: orari oggi 16 gennaio
Ad aprire il programma dei quarti di finale sarà la sfida tra Napoli e Lazio: al San Paolo si giocherà martedì 21 gennaio alle ore 20.45.

Mediaset ha lanciato un canale test già raggiungibile al numero 200 del telecomando. Se non riusciamo ad agganciarlo, se il canale 200 mostra lo schermo tutto nero, allora vorrà dire che il nostro apparecchio non è capace di vedere il nuovo standard di trasmissione.

Sono stati stanziati 150 milioni di euro come risorse per il bonus tv, che dovrebbero riuscire a coprire il periodo 2019-2022.

Il primo, già in onda da qualche ora grazie a Mediaset che è proprietaria delle frequenze, è il canale 200. A questo punto avrete circa 2 anni e mezzo di tempo per provvedere all'acquisto di un nuovo apparecchio televisivo o comperare un decoder che permetta al vostro di ricevere i canali anche dopo giugno 2022.

Comments