Junior Cally, Sanremo 2020: "all’Ariston finché Amadeus sarà direttore artistico"

Adjust Comment Print

Se posizioni diverse si sono avvicendante durante la discussione odierna, l'unica donna presente, la consigliere Adriana Cutellè (di Sanremo al Centro) si è, invece, spesa per una presa di posizione maggiormente severa, anche se poi il risultato è stato più soft. Il lancio del circolo avverrà in concomitanza con un evento nel capoluogo marsicano martedì 28 gennaio.

"Non c'entra nulla con la libertà artistica ed espressiva - ha osservato Valente - inneggiare alla violenza contro una donna, qui siamo ben oltre i principi. Tuttavia, se le azioni di contrasto sono utili e doverose nell'immediato, si è convinte che il cambio di mentalità si possa ottenere solo con una seria programmazione educativa al rispetto delle persone nelle loro differenze di genere fin dall'infanzia, per una vera e propria rivoluzione culturale da intraprendere insieme a uomini intelligenti e consapevoli".

"Inoltre - conclude - promuoveremo l'organizzazione di convegni, presentazioni di libri, collaborazioni con associazioni, centri studi, movimenti culturali a livello nazionale e locale". Salmo ha rinunciato al festival come super ospite della prima serata: il rapper si è giustificato con un video, dove afferma di sentirsi a disagio sul palco di Sanremo, che non considera il posto giusto con la gente giusta di fronte cui esibirsi. "Vorrei che il servizio pubblico promuovesse le donne che hanno fatto 'un passo avanti', non quelle che fanno un passo indietro". E mentre Monica Bellucci abbandona la barca, scoppiano le polemiche per il caso di Junior Cally, che sarà tra i concorrenti in gara. Ironico Fiorello, in diretta Instagram, si rivolge così alle deputate che hanno chiesto in una lettera ad Amadeus di scusarsi.

Juventus, dallo scambio Rakitic-Bernardeschi ad Emre Can: parla Sarri
E' una partita molto delicata e difficile. contro una squadra di ottimo livello e che per caratteristiche può darci problemi. Molto meno della metà, insomma, visto che i pareggi sono 12 e le sconfitte 13. "Spero che al bene non ci sia mai fine".

"Lei si chiama Gioia, beve poi ingoia". Quest'anno in modo particolare si tratta di un avvenimento molto discusso e sono due le ragioni principali. C'ho rivestito la mascherà. Uno che incita all'odio e alla violenza contro le donne.

Si parla di soldi, dunque, ma quanti? "E una nota stonata che non può esprimersi dal palco della canzone italiana, quello dei fiori che rappresenta una vetrina per il nostro Paese nel mondo".

Comments