Coronavirus, a Malpensa arrivano gli ultimi voli. Abbracci e lacrime

Adjust Comment Print

Rimanendo ai voli per e dalla Cina, Royal Air Maroc sospende ha sospeso quelli Casablanca-Pechino-Casablanca da oggi e fino al 29 febbraio.

Gli ultimi tre voli dalla Cina sono arrivati di prima mattina aMilano Malpensa, tra le 5 e le 7.30.

Sono atterrati all'aeroporto di Malpensa anche i passeggeri del volo 0967 dell'Air China in arrivo da Shanghai, uno degli ultimi autorizzati ad atterrare dopo il blocco imposto ai voli da e per la Cina.

Ai passeggeri e al personale di bordo è stata misurata per tre volte la temperatura, da medici saliti con mascherine e tute a bordo dell'aereo prima dello sbarco, ed è stato consegnato un vademecum con le indicazioni dei presidi a cui rivolgersi in caso si avvertissero sintomi sospetti di coronavirus.

Il coronavirus è arrivato ufficialmente anche in Italia. "I controlli sono durati una quarantina di minuti in tutto".

MotoGP, I risultati del nostro sondaggio: il web boccia Valentino Rossi
Il team del Diapason annuncerà a breve l'ingaggio di Quartararo che affiancherà così Viñales nel team ufficiale. La valutazione sarà fatto solo dopo aver completato le prime sette o otto gare del 2020.

Ci hanno fatto scendere dopo un po'. Controllati i passeggeri. Stanno sbarcando nel frattempo dalla Costa Smeralda ormeggiata al porto di Civitavecchia i 1143 passeggeri che avrebbero dovuto sbarcare ieri e che sono rimasti bloccati a bordo per il sospetto caso di Coronavirus, poi rientrato. A Shanghai, era da una settimana "in isolamento in camera" nel suo campus universitario e "alcune università - racconta - sconsigliano di tornare indietro, alcune non si sono ancora pronunciate". Gli aeromobili, informa l'Enac (Ente nazionale per l'aviazione civile) in una nota, "erano già in volo prima dell'emissione del Notam (Notice to Airmen) di sospensione di tutti i collegamenti aerei tra l'Italia e la Cina, su disposizione delle autorità sanitarie nazionali".

"Ero a Zhongyuan, capitale dell'Henan".

"Dalla nostra indagine emerge che alcune conseguenze per il business delle nostre imprese in Cina siano già tangibili - spiega Alessandro Gelli, direttore di Promos Italia - e che la preoccupazione per l'evoluzione degli affari nei prossimi mesi è alta".

Ieri la conferma ufficiale dei primi due casi di infezione riscontrati in Italia, che riguarda una coppia di cinesi di 66 e 67 anni, ricoverati all'ospedale Spallanzani di Roma. Ad accoglierlo al Terminal 1 degli arrivi di Malpensa, la mamma in lacrime: "È stato un viaggio sofferto, abbiamo avuto tanta paura, ovviamente abbiamo interrotto il viaggio studio e ho detto a mio figlio di rientrare".

Comments