Prescrizione: nodo ancora aperto, si tratta sul lodo Conte - Politica

Adjust Comment Print

"A differenza di altri non piantiamo bandierine ma sosteniamo principi liberali di civiltà giuridica".

Se il ddl Costa dovesse passare, di conseguenza il governo entrerebbe in crisi e a quel punto apparirebbe difficile che il premier Conte possa riuscire ad andare avanti: più che delle elezioni anticipate, si parla maggiormente di un nuovo esecutivo.

Una minaccia, quella del Guardasigilli, che potrebbe mettere addirittura a repentaglio il prosieguo del governo Conte bis. E doversi riversare in massa nelle liste di attesa per il reddito di cittadinanza.

Cambiare registro per non impantanarsi nella vicenda prescrizione. All'apertura dei lavori, Matteo Renzi ha chiarito fin dalle prime battute "che il governo deve tracciare da subito una agenda di sviluppo per il Paese, senza ulteriori indugi, basta con l'immobilismo". Il risultato è stato ed è quello di indebolirlo ulteriormente, di ridurne la credibilità e, quindi, di favorire proprio Salvini. Promette, però, che "chi ha voglia di fare per il futuro invece è il benvenuto". In mezzo al guado, per ora, rimane il Pd, l'unico partito che potrebbe imporre una linea di mediazione, forte dei recenti successi elettorali e della sua consistenza parlamentare.

E Zingaretti ed il Pd cosa faranno? A chi gli chiede se sia possibile che la riforma arrivi in Cdm e intanto si rinvii la prescrizione, replica: "Ci sono tante soluzioni possibili".

Trovati 2 farmaci in grado di combattere il coronavirus
La televisione cinese ha divulgato una notizia interessante, in merito a due farmaci che sarebbero in grado di neutralizzare il coronavirus .

A conclusione della prima Assemblea nazionale di Italia Viva, che si è tenuta sabato 1 e domenica 2 febbraio al Teatro 10 di Cinecittà a Roma, Francesca Tini Brunozzi (Vercelli) e Diego Costanzo (Gattinara) sono stati nominati coordinatori provinciali di Italia Viva.

Continua il braccio di ferro nella maggioranza sul tema della prescrizione.

A scontrarsi non sono semplicemente due partiti ma due concezioni politiche e giuridiche contrapposte, difficilmente riducibili.

Bonafede e il movimento cinque stelle: priorità? Non si possono tenere le persone sotto processo a vita. "Non minaccio il governo - ha precisato Renzi ospite di 'L'aria che tira' su La7 - ho solo messo in guardia il ministro Bonafede che non solo ha contro tutti gli avvocati, la stragrande maggioranza di magistrati e commentatori, ma non ha numeri in Parlamento". Non può permettersi che la sua riforma, contestata dal mondo intero, affondi in aula. Lo sottolinea su twitter Andrea Orlando (Pd). "La politicizzazione dello scontro dovuta prevalentemente a ragioni di visibilità ha tolto, per il momento, il ministro da questo imbarazzo".

Comments