Ekdal: "Molti giocatori sono omosessuali ma non si dichiarano"

Adjust Comment Print

"Una partita da vincere", organizzato il 4 febbraio da Tiziana Beghin del Movimento 5 Stelle, Tomasz Frankowski, parlamentare del Partito Popolare Europeo ed ex calciatore e Marc Tarabella, del gruppo Socialisti e Democratici. Le forti e coraggiose parole del giocatore svedese hanno colpito nel segno, facendo nuovamente luce su una questione che continua a persistere nella sua drammaticità, influenza le vite di numerosi sportivi, ma che continua a essere latente, ignorata, come se non esistesse: la difficoltà incontrata nel poter dichiarare la propria omosessualità nel mondo del calcio. "Molti altri vorrebbero farlo ma evitano, per paura delle reazioni negative". I giocatori sono preoccupati di diventare un bersaglio per gli insulti e lo scherno, sia dentro che fuori dal campo.

Nel video Ekdal ha raccontato come "questi giocatori si sentano obbligati a nascondersi, fuggire e vivere nella paura".

L'invito del calciatore è quello di sfruttare l'istruzione e la cultura come arma per un cambiamento in positivo.

Sanremo: Leo Gassmann vince Nuove Proposte - Gli Artisti
Leo Gassmann e la sua " Vai bene così " hanno fatto breccia nei cuori di pubblico e giuria tra le Nuove Proposte di Sanremo 2020 .

"Che società siamo se un ragazzino non può seguire il suo sogno di diventare un calciatore per via del suo orientamento sessuale?"

Thomas Hitzlsperger, centrocampista tedesco che ha annunciato pubblicamente di essere omosessuale nel 2014, circa un anno dopo il suo ritiro, ha dichiarato di non aver mai pensato di poterlo fare mentre era in attività. "Amiamo il calcio e questa è la cosa più importante per tutti noi". Giornalista professionista dal 2019, per TPI si occupa di SEO e news.

Nato a Messina nel 1993, vive a Roma dal 2016. Appassionato di sport, collabora con repubblica.it, sezione Running.

Comments