Sasso dal cavalcavia colpisce l'auto di Fresi e Benvenuti

Adjust Comment Print

Ad un certo punto perà la vettura guidata da Fresi è stata colpita violentemente da un sasso lanciato da un cavalcavia.

Potrebbe esserci l'azione di un gruppo di ragazzi all'origine del lancio di sassi, o altro materiale, dal cavalcavia di San Pelino di Avezzano (L'Aquila) sull'autostrada A25, materiali che ieri, intorno alla mezzanotte, hanno sfondato il parabrezza dell'auto su cui viaggiavano gli attori Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi, di ritorno a Roma dopo aver portato in scena uno spettacolo a Gessopalena (Chieti).

Iowa, la spunta "il giovane" Pete Buttigieg: "Vittoria stupefacente"
Colpa delle nuove regole e di una controversa app che hanno creato "incongruenze" nella verifica dei voti. L'altra moderata, Amy Klobuchar , è solo quinta, mentre l'uomo d'affari Tom Steyer è sparito.

"Da quello che so non sono feriti" racconta a Corriere.it il sindaco del borgo Mario Zulli che domenica sera ha visto lo spettacolo, salutando poi i due artisti "davvero bravi" che al termine hanno lasciato il borgo abruzzese per dirigersi verso la Capitale. In sottofondo la voce del figlio di Fresi, 9 anni, papà ha la macchina rotta con un grande buco sul vetro. E' accaduto nella nottata del 10 febbraio, solo dopo diverse ore la notizia è stata diffusa. Non avrei detto niente a nessuno, ma qualcuno in Autogrill ha diffuso la notizia a qualche giornalista e molti si sono preoccupati. I frammenti hanno colpito Benvenuti che per fortuna è rimasto illeso. Ci sono andati un po' di vetri negli occhi, soprattutto ad Alessandro, perché il sasso é entrato dalla parte sua. Ma se ci fosse stato un bambino... L'auto procedeva in direzione Roma.

"L'unica cosa che mi sento di dire - aggiunge Fresi - è che questi pazzi ci sono in giro, quindi se fate l'autostrada di notte, buttate sempre un occhio sui cavalcavia e se vedete movimenti strani, rallentate e chiamate subito la polizia". Sul posto è intervenuta la polizia stradale di Pratola Peligna, i carabinieri di Avezzano e il personale di Strada dei Parchi. Tutto e bene quel che finisce bene, questi sono degli imbecilli pericolosi, non so se capiscono quante vite mettono a rischio.

Comments