E' il giorno dell'Amica Geniale: arriva la nuova serie

Adjust Comment Print

Lila ed Elena hanno sedici anni e si sentono in un vicolo cieco. Piangevano, nel finale della prima stagione, durante il matrimonio di Lila: per quel sentirsi costantemente tradite dal loro piccolo mondo degradato, da quel quartiere Luzzatti di Napoli - loro casa e loro prigione - intriso di asprezza e violenza più o meno sottile, spalmata sulle relazioni umane insieme a una miseria (non solo economica) capace di ammantare le strade polverose e i palazzi grigi e squadrati del rione, partorendo prevaricazione e quell'angoscia di fondo aumentata dal solito, fallimentare, compito attribuito al denaro: offrire speranza e salvezza.

A partire da oggi, lunedì 10 febbraio alle 21.25, andrà in onda su Rai 1 "L'amica geniale".

Nel secondo capitolo della serie L'amica geniale Lila si è appena sposata ma, nell'assumere il cognome del marito, ha l'impressione di aver perso sé stessa. La seconda stagione della serie-evento "L'amica geniale", tratta dal secondo libro della quadrilogia di Elena Ferrante, andrá in onda con otto episodi spalmati in quattro serate su Rai Uno e online su RaiPlay. Appuntamento assolutamente da non perdere per continuare a seguire le vicende delle due protagoniste, Lenù e Lila, e la loro vita nel rione.

Se la prima stagione si dedicava agli anni '50, la seconda si immerge in quell'aria pre-rivoluzionaria degli anni '60 e lo stile trova una sua evoluzione cinematografica.

Milan-Juve, Buffon: "Buon risultato. Ibra? Campione straordinario"
Che Juventus hai visto? Poter giocare nella Juve mi spinge a dare ancora di più, la mia determinazione è ancora più forte. Dire che questa di Gianluigi Buffon sia stata una battuta infelice è dire poco.

Amate le serie che parlano dell'amicizia tra donne? E, ancora una volta, vede Gaia Girace e Margherita Mazzucco nei panni di Lila ed Elena (detta Lenù). Un'esperienza intensa che sta cambiando l'adolescenza della Girace, che però è contenta così visto che recitare è sempre stato il suo sogno. Intanto in un'intervista al settimanale F Gaia ha svelato come ha speso i soldi ricevuti dal lavoro svolto sul set della fiction diretta da Saverio Costanzo.

L'unico desiderio di Lila era quello di essere libera ma anche con Stefano sarà impossibile.

Il romanzo di Elena Ferrante è inesorabilmente legato ad Ischia, sia grazie alla bellezza dei luoghi che fanno da sfondo alle parole, ai monologhi, alle scene, che si fondono con i colori dell'isola, sia in riferimento alla profondità dei legami che man mano si delineano, componendosi di tanti piccoli dettagli.

Comments