Coronavirus, Macron "Francia non chiudera' le frontiere con l'Italia"

Adjust Comment Print

"Le frontiere restano aperte" "Le frontiere restano aperte", è il messaggio dei due leader. "Il coronavirus ci riguarda tutti e verra' risolto con una perfetta cooperazione europea e nazionale". L'appello però è anche quello di tornare alla normalità. Così il premier Giuseppe Conte al termine dell'incontro con il presidente francese Emmanuel Macron a Napoli.

Sul coronavirus Macron, rispondendo a una domanda su una possibile flessibilità che l'Ue potrebbe concedere ai Paesi colpiti dall'emergenza, ha risposto: "Dobbiamo sapere che ci devono essere risposte europee, dobbiamo adeguarci". Macron insieme al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e' a Napoli per il XXXV vertice italo-francese nel capoluogo partenopeo.

[VIDEO] Coronavirus, spot per Ministero Salute con Amadeus
Il Ministero della Salute italiano ha scelto Amadeus come testimonial per la campagna istituzionale sull'emergenza coronavirus . Le autorità sanitarie cercano di darsi da fare in tutti i modi per smorzare i toni allarmistici dei media.

Il vertice tra Italia e Francia rappresenta "un salto di qualità'", soprattutto in campo economico. "Siamo onorati di questa visita - dice la responsabile dell'esercizio - il presidente Macron ha voluto appositamente assaggiare un nostro babà, dolce di origine non napoletana, ma che secoli di ricette e reinterpretazioni hanno inserito nella cultura pasticciera della città". "La situazione può essere gestita solo con cooperazione europea e internazionale", ha dichiarato il presidente francese.

"Quelli che oggi ci dicono 'aprite tutto' ieri ci dicevano 'chiudete tutto', anche il trattato di Schengen, che vuol dire chiudere i confini, con danni irreparabili e irreversibili per la nostra economia, una strada non praticabile". Da parte sua Conte ha sottolineato che "il governo fin dall'inizio ha affrontato con serietà l'emergenza sanitaria, in piena trasparenza e mettendo in atto le misure suggerite dai massimi esperti nel settore scientifico". Con la Francia, ha aggiunto, è stata "condivisa" la necessità di "una gestione strutturale e non più emergenziale dei flussi", ha detto il premier. "L'Italia ha sempre chiesto un approccio a più livelli che comprenda uno sforzo europeo dal primo momento", ricorda Conte.

Comments