Sampdoria, Quagliarella: "Tre punti pesanti. Coronavirus? Il decreto parla chiaro"

Adjust Comment Print

O si gioca fino alla fine o si sospende.

Il capitano della Sampdoria, a margine della sfida di Marassi giocata e vinta contro l'Hellas Verona, ha commentato l'emergenza Coronavirus che ha colpito molte zone d'Italia e che ora minaccia anche il calcio: "Vogliamo rispettare ciò che ci viene detto e in questi giorni ci sentiremo noi calciatori e vedremo". Tre indisponibili per Ranieri, due per squalifica Murru e Ramirez, mentre Ferrari non ci sarà per infortunio; tre i diffidati che sono Colley, Murru e Ferrari. Non credo, solamente è stata una partita diversa, in cui loro ci schiacciavano e ci mettevano pressione con delle palle lunghe, ma noi non abbiamo sofferto e anzi uscivamo molto bene.

Coronavirus, il Premier Conte ha firmato il nuovo decreto
Sappiamo rialzarci, facendo squadra. " Sapremo superare questa difficoltà riaffermandoci nel nostro valore". Una certa percentuale di persone necessita di un'assistenza continuata in terapia intensiva.

Queste le sue parole, così come riportato da hellasverona.it: "Quanti rimpianti lascia questa partita?" Anche lui non entra nella discussione sul fatto che sia meglio o meno a questo punto bloccare il campionato: "Sulla possibilità di uno stop al campionato ho la stessa posizione di Klopp: io faccio l'allenatore e non devo prendere decisioni, gli altri facciano quel che devono fare con chiarezza e nell'interesse dei cittadini" spiega Ranieri. Vittoria importante? Oggi non c'erano i tifosi, avete sentito tutto quello che normalmente dico (ride, ndr). Lo ha annunciato la Lega Serie A.

Comments