Parigi come Milano, parte la grande fuga per la chiusura delle frontiere

Adjust Comment Print

Il governo, appoggiato dal comitato scientifico, ha deciso di far svolgere le votazioni, assicurando la popolazione che si adotteranno misure di sicurezza straordinarie. Dopo il maxi decreto da 25 miliardi varato ieri dall'Italia si muove anche il governo francese, con il ministro dell'Economia Bruno Le Maire che ha annunciato un intervento da 45 miliardi di euro per fronteggiare l'emergenza coronavirus. "Non sono più permesse le riunioni di famiglia o tra amici, vanno limitati al massimo i contatti e gli spostamenti". I morti erano saliti a 91 e i casi gravi a 300. Non è possibile fare viaggi lunghi. Il decreto di Macron è entrato in vigore solo oggi alle 12, fatto che ha permesso ai molti "immigrati interni" che vivono a Parigi di recarsi all'alba alle stazioni alla ricerca di un treno che li riportasse nelle loro zone d'origine, in "periferia", magari in Provenza o in Bretagna.

Sempre più Stati membri però hanno già rinunciato alla libera circolazione interna sancita da Schengen.

Coronavirus, è morto l’architetto Vittorio Gregotti. Boeri: "Se ne va un Maestro"
E' morto stamattina a Milano l'architetto Vittorio Gregotti , stroncato da una polmonite provocata dal Coronavirus . Dal 1953 al 1968 ha svolto la sua attività in collaborazione con Ludovico Meneghetti e Giotto Stoppino .

Misure draconiane sulla falsariga italiana sono state adottate inSvizzera e uno scenario simile è stato imposto in Francia: spostamenti drasticamente ridotti per 15 giorni e sanzioni per chi non rispetta le regole. "Siamo in guerra", è stato il monito di Macron.

La contestazione della decisione di confermare le elezioni sui social network è forte, mentre si segnalano decine di casi in provincia in cui manca anche il personale necessario per aprire i seggi. Solo muoversi fra i paesi membri.

Comments