Il festival di Cannes è rimandato per l’emergenza Coronavirus. Ma a quando?

Adjust Comment Print

Ormai è ufficiale: il Festival di Cannes è stato rinviato.

"Sono d'accordo al 100%", ha detto il regista commentando il rinvio del festival francese che si sarebbe dovuto svolgere dal 12 al 23 maggio. L'evento è rimandato tra la fine di giugno e l'inizio di luglio.

Anche in Francia è infatti iniziato un periodo di quarantena di 15 giorni, partito il 17 Marzo, nel tentativo di rallentare il diffondersi del coronavirus, che probabilmente sarà esteso anche al mese di Aprile.

Il Coronavirus ferma anche Un Posto al Sole
Vittorio , Patrizio e Raffaele sono alle prese con i lavori nel seminterrato e con i conseguenti problemi organizzativi. Il magistrato sta portando avanti l'inchiesta in cui è coinvolto il boss Mariano Tregara , padre di Clara .

Come si vede, dunque, il festival fa delle ipotesi ma non ha inteso fornire una risposta e una data definita, il che è anche comprensibile, vista la grande incertezza di questa fase di transizione che si preannuncia non breve. Gli organizzatori hanno finalmente deciso di rinviare la kermesse cinematografica per via del Coronavirus.

"Il Festival di Cannes non potrà tenersi nelle date previste". Se questo fosse fattibile, Lee ha dichiarato che farà di tutto per essere disponibile: "Non dimentichiamo che questo è il più grande festival cinematografico del mondo, il più grande palcoscenico mondiale per il cinema e sarò il primo presidente nero della giuria", ha affermato. Il mondo è cambiato e sta facendolo ogni giorno. Le cose che amiamo devono fare un passo indietro: film, TV, sport. "Sono stati rimandati tantissimi eventi e appoggio in pieno questa decisione". Non si tratta di uno scherzo, non parliamo di film.

Ecco, Cannes è anche tutto questo, e mille altre cose. "Non posso fingere (di sapere) cosa succederà domani". "Noi lavoriamo alla selezione come un'annata normale, per quanto consapevoli di quello che ci accade". Spike ha poi criticato la situazione negli Stati Uniti causata dalla mancanza dei test che potrebbe causare una rapida diffusione del virus: "Le persone stanno venendo mandate a casa".

Comments