Coronavirus, Cellino tuona: "Questa è la peste. Ma quale ripresa del campionato..."

Adjust Comment Print

Ci sono ultrà che portano l'ossigeno agli ospedali, altri che piangono i loro morti, altri ancora intubati. Non si può più giocare quest'anno. Si pensi al prossimo. Serve realismo, se si parla di calcio bisogna spostare tutto alla prossima stagione. Qualcuno non si rende ancora conto di quello che sta accadendo, e quel qualcuno è peggio. Se Lotito vuole lo scudetto, se lo prenda: è convinto di avere una squadra imbattibile. Sui tagli ai calciatori: "Via un terzo a stipendi, tv e tasse" e sul caso preparatori: "Non hanno detto la verità". Anche perché proprio la partita dell'Atalanta potrebbe aver causato enormi problemi e contribuito in maniera decisiva alla proliferazione del virus tra le persone di quella che poi sarebbe stata tra le province più colpite d'Italia. "È il modo più facile per aggiustare le cose".

STAFF POLEMICHE. "Gli staff convocati? Da Brescia ricevo continuamente notizie, e sono tutte pazzesche, eppure la città sta affrontando la tragedia con una dignità che imbarazza". Comunicati, attacchi generici e strumentali, c'è chi mi ha dato del vigliacco. Due si sono presentati, gli altri no. Cercavo solo la loro collaborazione, visto che ne pago un vagone.

Paulo Dybala positivo al Covid-19
Paulo Dybala in una diretta su Instagram , ha raccontato come sta vivendo il suo periodo di isolamento. A darne comunicazione è lo stesso giocatore argentino della Juventus sui suoi profili social.

La stagione 2019/2020 non conoscerà mai la parola fine a causa dell'emergenza Coronavirus, è questo il pensiero di Massimo Cellino, presidente del Brescia: il patron biancoblù va a ruota libera durante un'intervista pubblicata stamane su Il Corriere dello Sport, sono parole nette che non lasciano tanto spazio all'immaginazione. Ho Lopez chiuso in casa da giorni in un appartamento grande come una vasca da bagno.

Comments