Fedez accusa il Codacons: "Vogliono bloccare la raccolta fondi per il Coronavirus"

Adjust Comment Print

È di giovedì sera la firma dell'accordo tra Fedez e la società Be, quotata al segmento Star, guidata da Stefano Achermann e con primo azionista al 20% la società di investimento Tamburi Investment Partners (Tpi).

Il Codacons, precisa Rienzi, non vuole affatto bloccare le raccolte fondi private: vuole soltanto evitare che elevate percentuali finiscano nelle tasche delle persone che le organizzano. Da cantante, rapper, produttore, influencer insieme con la moglie Chiara Ferragni, per il trentenne Federico Lucia si apre una nuova stagione professionale: la consulenza agli istituti di credito e alle assicurazioni per le loro strategie sulla presenza e la comunicazione digitale. Infatti come è noto, in soli otto giorni, è stato costruito un nuovo reparto di terapia intensiva per il San Raffaele.

Per la semplice ragione che come tutti siamo in difficoltà a causa dell'epidemia Coronavirus, per dire? È una valorizzazione significativa, quella riconosciuta da Be a Fedez: nel 2019 il ramo che confluirà in Doom ha fatturato 6,5 milioni di euro. Il coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, ha chiesto di bloccare i fondi privati raccolti per aiutare gli ospedali pubblici durante l'emergenza coronavirus. Cancellarli e stopparli. Io sono allibito!

È stato lo stesso rapper, infatti, a denunciare quanto accaduto sul proprio profilo Instagram, che conta un seguito di nove milioni di follower. "E questa è un'associazione parastatale che dovrebbe tutelare i consumatori?".

Atalanta, Sportiello positivo al Coronavirus
Abbiamo bisogno di 10/15 imbianchini disponibili e attrezzati con rulli, pennelli, pistola, pertichetto, silicone e scala". Il portiere della Dea Marco Sportiello è risultato positivo al Coronavirus .

Puntuale, è arrivata la replica del Codacons, a nome del presidente Carlo Rienzi: "Intanto dobbiamo ringraziare questo signore, che credo sia un cantante, ma non ne sono certo, perché stiamo ricevendo moltissime donazioni da tanti che non sapevano si potesse fare ed ora grazie a lui lo sanno". Fedez non ha capito niente.

Noi raccogliamo fondi per le denunce, diffide, ricorsi in questo momento di emergenza.

Invece ci clicco sopra e scopro che in realtà mi hanno fatto un banner clickbait sul coronavirus dove in realtà io vado a donare i soldi direttamente al Codacons, che non si occupa di coronavirus!

La raccolta fondi lanciata qualche settimana fa da Fedez e Chiara Ferragni ha sollevato una grossa polemica da parte del Codacons, l'associazione italiana per la tutela dei diritti dei consumatori.

Comments