Cellino non ci sta: "Riprendere? Follia, pronto a ritirare il Brescia"

Adjust Comment Print

Così inizia l'intervista realizzata da La Gazzetta dello Sport al presidente del Brescia Massimo Cellino in merito alle linee guida arrivate dall'UEFA per riprendere ad allenarsi ad aprile e tornare a giocare a maggio. Lo è anche per il calcio, che pure prova a darsi una linea per salvare la stagione agonistica.

Il presidente del Brescia, Massimo Cellino, molto colpito dal dramma della Lombardia, ritiene che non ci siano assolutamente le condizioni per tornare in campo ed è pronto a un gesto forte.

Cellino non le manda a dire anche alla massima organizzazione europea del pallone: "La UEFA non può far slittare, sono arroganti e irresponsabili, pensano solo alle coppe e agli interessi economici. Uefa? Se vuole fare qualcosa di utile, mandasse a Brescia bombole di ossigeno e respiratori, gliene saremmo grati". Qui abbiamo i camion che trasportano i morti.

Placido Domingo si aggrava, ricoverato in Messico per complicazioni causate dal Covid19
Un portavoce della famiglia, riferisce la stampa spagnola, ha detto che il cantante lirico è in "condizioni stabili". Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Anche lei però ha interesse a non ripartire. Da che pulpito, lui che fa fuoco e fiamme perché pensa di vincere lo scudetto. Per finire a giugno ci aspetta un tour de force impossibile e rischioso, per prolungare la stagione serve cambiare tutte le regole nazionali e internazionali: contratti dei giocatori, bilanci, scadenze con le banche, calciomercato, preparazione, inizio della stagione. A me di retrocedere non frega nulla! "Un caos assoluto. Per che cosa?".

"Se ci costringono a riprendere, sono disposto a non schierare la squadra e perdere tutte le partite a tavolino per rispetto dei cittadini di Brescia e dei loro cari che non ci sono più".

Comments