Coronavirus: scompare Sergio Rossi, maestro delle scarpe di lusso

Adjust Comment Print

Molti degli altri imprenditori calzaturieri della zona, e non solo, iniziavano la loro avventura in quel periodo storico, Sergio Rossi è stato un pioniere del settore, iniziando a esportare in tutto il mondo le sue scarpe fino al 1999. L'imprenditore di San Mauro Pascoli aveva contratto il Coronavirus, ed era ricoverato da giorni nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Bufalini di Cesena. Negli anni '90 la donna targata Sergio Rossi è femminilità allo stato puro.

All'età di 85 anni si è spento ieri 2 aprile Sergio Rossi, vittima dell'epidemia di Covid-19. Ma quello con le scarpe era vero amore. Tanto che, le scarpe prodotte d'inverno con il fratello Franco, venivano vendute dalla famiglia durante l'estate servendosi di una bancarella ambulante, che girava lungo tutta la riviera romagnola, da Rimini a Riccione.

Serra, l'Istituto "Tedeschi" celebra la Giornata mondiale sull'autismo
Questi video sono stati assemblati. È necessario mettere in campo uno sforzo altrettanto straordinario per i nostri ragazzi. Naturalmente tutto è saltato, stravolto.

Il suo indiscutibile talento gli indica la strada e lo trasformerà in uno dei maggiori imprenditori del settore. L'investitore rilanciò il marchio italiano che tornò ad essere molto amato dalle star di Hollywood come Katy Perry, Anne Hathaway, Hilary Swank, Jennifer Lopez, dopo aver attraversato un periodo di tempo in affanno, che era seguito all'apice del successo toccato alla fine degli anni Novanta. Come quelle della sua scarpa più famosa, Godiva, la décolleté per eccellenza, che compare, rivisitata, persino nel poster della pellicola cult di Pedro Almodóvar del 1991, Tacchi a spillo. Un leone nato nel 1935, che da San Mauro Pascoli, in Romagna, aveva saputo conquistare il mondo, calcandone - più o meno letteralmente - tutte le strade più importanti.

Tra i suoi primi modelli di successo, l'Opanca divenne un cavallo di battaglia delle prime collezioni: erano sandali semplici ma innovativi nella suola che curvava attorno al piede diventando un tutt'uno con la parte superiore della tomaia. Sergio Rossi è stato un creativo, un illuminato, un perfezionista, un grande stilista che ha portato la scarpa di San Mauro ai massimi livelli nel mondo. Anche la rivista Vogue definì l'azienda "sinonimo di qualità italiana e design classico femminile". Ma anche con Dolce & Gabbana e Azzedine Alaia.

Comments