Vicenza, 5 morti In Veneto verso gli 11mila contagi

Adjust Comment Print

Nelle tabelle di Azienda Zero per la prima volta sono stati inseriti in modo diverso gli ospedali per acuti dalle strutture territoriali COVID: l'incremento in "area non critica" riflette dunque i trasferimenti di pazienti, che prima venivano caricati nel sistema come dimessi o che al contrario restavano più a lungo nel reparto in cui erano ricoverati, in queste strutture territoriali. Nessuno invece si è registrato nelle strutture della provincia dove restano invariati i numeri delle persone ricoverate, anche in rianimazione, senza nuovi accessi.

Sono 2323 i casi totali di Coronavirus in tutta la Provincia di Verona (il dato comprende anche le vittime e chi non è più positivo dopo due tamponi, i "negativizzati virologici", 47 persone). I casi attualmente positivi a livello regionale sono invece 8990.

Minghi ricoverato, "ma il virus non c'entra"
Questa diretta è per scusarmi con voi per avere tardato cosi tanto, a riaprire un dialogo interrotto cosi bruscamente e a lungo. Ha annunciato anche che adirà alle vie legali verso chi ha diffuso la notizia che fosse malato di Covid 19.

ORE 11 Ci sono altri 243 nuovi casi di positività al Coronavirus oggi in Veneto, che raggiunge così la quota di 10.824 soggetti infettati dall'inizio dell'epidemia.

A Vicenza e provincia, secondo i dati forniti dal bollettino della Regione Veneto si registrano purtroppo altri 2 decessi da ieri pomeriggio (venerdì 3 aprile ore 17): uno all'ospedale di Santorso e uno a Vicenza. In totale, dall'inizio dell'emergenza, sono 532 le persone decedute e 961 i dimessi in Veneto. I decessi sono stati 556 e 705 i negativizzati complessivi. Le persone in isolamento domiciliare sono 20.058. Nessun nuovo ricovero in terapia intensiva. Le province con il maggior numero di contagiati sono Verona (2547) e Padova (2546), seguite da Treviso (1687) e Vicenza (1608). Nella serata di mercoledì 1 aprile il premier Conte aveva esteso tutte le limitazioni fino al 13 aprile ma ha lasciato intendere che, se i numeri dell'emergenza non dovessero migliorare nei prossimi giorni, la ripresa delle attività potrebbe slittare ancora.

Comments