Ufficiale, ecco l'accordo della Serie A sul taglio degli stipendi

Adjust Comment Print

Dalle due alle quattro mensilità in meno, ovvero il taglio di un sesto della "retribuzione annuale lorda" se si ricomincerà a giocare fino a un terzo se invece la stagione dovrà arrendersi alla pandemia di Coronavirus. L'accordo tra le altre squadre della Serie A con i giocatori, verrà discusso nella giornata odierna durante l'Assemblea di Lega.

Dopo il fallimento del tavolo con l'AIC per arrivare a un accordo sul taglio degli stipendi, i club di Serie A provano a fare fronte comune per presentare una proposta per il taglio dei mesi di marzo e aprile. L'intervento prevede una riduzione di 1/3 della retribuzione totale annua lorda se non si riprenderà l'attività, e di 1/6 se nei prossimi mesi si completerà la stagione. "Con esclusione della Juventus che ha già raggiunto un accordo coi propri giocatori". I club, chiarisce la Lega, definiranno gli accordi con i tesserati. Riguardo alla possibilita' di concludere la stagione in corso La Lega spiega in un comunicato di star "seguendo l'evoluzione dello scenario in stretto coordinamento con la Uefa, la Figc e l'Eca". La ripresa dell'attività riprenderà "senza correre rischi" e "solo quando le condizioni sanitarie e le decisioni governative lo consentiranno".

Leclerc ha imparato ad avere "più pazienza" alla Ferrari
Charles Leclerc ha riconosciuto che dopo aver terminato la sua prima stagione con la Ferrari è un pilota molto più paziente. Era impressionante e tutte le volte che guardavo la Formula Uno erano ovviamente lui e la Ferrari che seguivo maggiormente.

L'assemblea riunita oggi ha inoltre analizzato le raccomandazioni per la ripresa di gara e allenamenti delle varie discipline sportive prescritte dalla Federazione Medico Sportiva Italiana, alla luce dell'attuale situazione di emergenza sanitaria. "A tal proposito, entro questa settimana la Federcalcio emanerà le relative norme medico-sanitarie".

Comments