Jean Todt sull'accordo FIA-Ferrari: "Vorrei dare i dettagli, ma non possiamo"

Adjust Comment Print

All'Equipe, Jean Todt lascia trapelare qualcosina sull'accordo tra Ferrari e Fia per il motore 2019. Il francese ammette che i tecnici della Federazione hanno riscontrato alcune anomalie, ma queste non sono sufficienti per dichiarare illegale l'unità di potenza di Maranello.

"Se me lo chiedi, mi piacerebbe fornire tutti i dettagli della situazione, ma la Ferrari è contraria". Quindi voglio dire che sono stati sanzionati, ma non possiamo dare i dettagli di tale sanzione. Il presidente della FIA commenta che non si rammarica della dichiarazione rilasciata dalla Federazione per tentare di chiudere pubblicamente il caso Ferrari. Nel documento rilasciato non si esprime se il motore fosse illegale o meno, ma solo che era stato raggiunto un accordo con la scuderia italiana. Chiaramente avremmo potuto non dire nulla. Onestamente, la questione è semplice, molto semplice: abbiamo profuso un grande sforzo per arrivare a questa conclusione, che però non ha messo d'accordo gli altri team. Todt insiste sul fatto che la FIA ha ricevuto il veto da parte della Ferrari per qualsiasi tipo di divulgazione a riguardo. Era la fine di febbraio e le monoposto 2020 di F1 erano impegnate a Barcellona quando fu diramato un comunicato che annunciava l'intesa. Tutto indica che l'unità aveva un'iniezione di carburante superiore a quella consentita dalle normative.

Coronavirus: nel mondo 1.275.542 contagi e quasi 70 mila morti
Sono +3.039 i casi totali , 604 i morti e 1.555 i guariti mentre sono 880 nuovi contagiati (33.713 i nuovi tamponi). Restando a casa, infatti, la catena di contagi tende a diminuire, facendo rientrare l'emergenza sanitaria in atto.

La posizione della FIA ha fatto infuriare i team rivali e non motorizzati Ferrari, che hanno minacciato azioni legali. Mercedes ha prima guidato questo gruppo e successivamente ha però abbandonato la protesta.

"Ho parlato individualmente con una delle sette squadre. Ho letto sulla stampa che c'è stata una discussione tra due dirigenti ". Invece le sei squadre rimanenti hanno risposto collettivamente al suo rimprovero. Ho ricevuto una lettera in risposta alla mia lettera, in cui hanno confermato di comprendere la posizione della FIA. "Non significa che ne fossero contenti e che avrebbero voluto che la Ferrari rendesse visibile il caso, cosa che mi piacerebbe anche, ma non possiamo", ha detto Todt per finire.

Comments