Coronavirus: F.Boccia, 'non c'è una data per fase 2' (2)

Adjust Comment Print

I servizi dovranno aumentare ancora, nella fase 2, ed è compito dello stato.

Intervistato da "Radio Capital" il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia si è espresso in merito all'eventuale riapertura dell'Italia: "Il 4 maggio?" "Non c'è una data - ha dichiarato -".

Coronavirus, il Papa: "Sento discorsi populisti come quelli di Hitler"
Forse siamo all'inizio di un processo che avrà profonde conseguenze sociali e culturali. Il Santo Padre ha infatti tenuto vicino a sè tutti i fedeli con vari discorsi.

"Ci sarà il presidente Bonaccini, il terzo presidente ci sarà comunicato a breve dalla Conferenza delle Regioni e così faremo con i Comuni, le parti sociali, i rappresentanti delle imprese e la comunità scientifica". La condizione di quelle Regioni rispetto alla Lombardia è diversa.

"Ho chiarito con il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana che la Regione Lombardia ha la garanzia che tutte le spese fatte sono coperte dal Governo". Centri Covid, test e tamponi, modalità di distinzione nei luoghi critici, interventi in RSA e luoghi più popolari che non hanno possibilità di mettere un paziente in uno spazio adeguato: "molti italiani vivono in uno spazio molto piccolo". Sul punto è intervenuto Borrelli: "Noi abbiamo messo in piedi un modello di gestione dell'emergenza nominando soggetti attuatori i presidenti delle regioni, abbiamo autorizzato un primo utilizzo di risorse alla Regione Lombardia per l'acquisto di dispositivi e poi una seconda autorizzazione, siamo arrivati intorno ai 50 milioni di autorizzazione".

Comments