Coronavirus, per la prima volta calano i malati in Italia

Adjust Comment Print

Il numero complessivo dei casi di COVID-19 in Italia dall'inizio dell'epidemia ha raggiunto 178.972, dato comprensivo di contagiati, guariti e vittime. La frenata è solida e adesso l'importante sarà confermare questo trend. Ad oggi sono complessivamente 108.237 i malati in Italia mentre ieri erano 108.257, dunque 20 in più. Ieri l'aumento era stato di 433.

I pazienti ricoverati con sintomi sono 24.906; 2.573 (-62, -2.4%; ieri -98) sono in terapia intensiva.

I guariti raggiungono quota 48.877, per un aumento in 24 ore di 1.822 unità (ieri erano state dichiarate guarite 2.128 persone). Gli aggiornamenti provenienti dal Ministero della Salute e diffusi dalla Protezione Civile mostrano un lieve calo delle vittime rispetto ieri, per la prima volta dopo tanti giorni sotto i 500 decessi, ma allo stesso tempo cala anche il numero dei nuovi guariti. Il dato è stato fornito dalla Protezione civile durante la prima delle due conferenze stampa settimanali.

Un dato molto positivo, considerando il fatto che il numero di nuovi casi è strettamente collegati al numero di tamponi fatti.

Perché il Governo di Accordo Nazionale in Libia è illegittimo
Inoltre, la tratta degli schiavi e il traffico di esseri umani stanno fiorendo sotto il Governo di Accordo Nazionale della Libia. Nell'ottobre 2015 Sarraj è stato sorprendentemente nominato come candidato al posto del capo di un nuovo governo libico.

Il numero totale di attualmente positivi è di 108.237, con un decremento di 20 assistiti rispetto a ieri.

In particolare, nell'ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi 18 aprile, il totale delle persone che hanno contratto il virus è 175.925, con un incremento rispetto a ieri di 3.491 nuovi casi.

Per chi non può fare l'isolamento nella propria abitazione sono a disposizione oltre 19mila posti, 6.800 dei quali messi a disposizione dello Stato e altri 12.230 in 262 strutture reperite dagli enti locali.

Comments