Fase 2 dal 4 maggio. L'Italia cambia con le riforme

Adjust Comment Print

Dobbiamo evitare che la curva torni a salire in modo incontrollabile. Sul tema hanno lavorato senza soste Palazzo Chigi, il Mit e il ministero della Salute, in stretta collaborazione con il Comitato tecnico-scientifico e la task force guidata da Vittorio Colao. Già in mattinata, Conte aveva definito le misure per la fase 2 con i capi delegazione della maggioranza.

Regolato anche accesso ad alcuni luoghi pubblici, attività motoria e sportiva: "Consentiamo accesso a parchi, ville e giardini pubblici, ma con rispetto delle distanze". Mi permetto di dire a ognuno di voi: "Se ami l'Italia mantieni le distanze".

"Nei prossimi mesi dobbiamo gettare le basi della ripartenza del Paese". "No, il 4 maggio non sarà un libera tutti", ha concluso il Presidente Conte. Per quanto riguarda l'attività sportiva e motoria ci si potrà allontanare dall'abitazione ma con aumento del distanziamento di 2 metri. Saranno consentiti gli allenamenti di professionisti e non professionisti ma riconosciuti dal Coni. La curva dei contagi da coronavirus sarà costantemente monitorata. "Anche nelle relazioni familiari state attenti, rispettate queste precauzione perché gli esperti ci dicono che almeno un contagiato su 4 avviene nelle relazione familiari".

Un passaggio significativo è quello sulle politiche economiche europee: "Ci sarà, dal punto di vista economico il Recovery Fund. La reazione a questa emergenza deve essere comune a tutta l'Europa, rapida e coraggiosa".

Calmierare il prezzo delle mascherine. "In più il Governo si impegna a eliminare completamente l'Iva sulle mascherine". "Il prezzo delle mascherine dovrebbe essere di circa 0,50 centesimi l'una". Piano piano, i cittadini si avvieranno verso la ripresa di una vita simile a quella condotta prima del lockdown, ma ancora il percorso sarà lungo. Non dimentichiamoci del turismo, non li lasceremo da soli e avrà bisogno di un robusto sostegno economico. È la prima volta dal 2014 che un capo di governo assume un impegno riformatore e riformista di fronte al Paese.

Iva Zanicchi: "Canto anche io Bella Ciao"
Come vi abbiamo raccontato ieri le celebrazioni saranno vietate alla cittadinanza che potrà seguire i vari eventi su Facebook ( leggi l'articolo ).

Il nuovo DPCM contiene misure prevalenti dal 4 al 18 maggio. Gli spostamenti saranno consentiti solo all'interno della regione per comprovate ragioni: motivi lavorativi, di salute e di necessità, ma anche per ricongiungersi con i propri familiari. Novità: consentite anche le visite ai famigliari (con divieto di assembramento).

" Dal 4 maggio saranno consentite le cerimonie funebri, ma vi potranno partecipare, per ora, al massimo 15 persone e distanziate". Sono preferibili le funzioni all'aperto.

"La condizione per ripartire sarà il rigoroso rispetto dei protocolli di sicurezza, per i luoghi di lavoro, per le costruzioni e per le aziende di trasporto- ha spiegato Conte- Nel rispetto di queste condizioni rigorose, potranno riaprire, già la settimana prossima, passando però dal vaglio dei prefetti e con autocertificazione, attività imprenditoriali che consideriamo "strategiche", quali lavorazioni per l'edilizia carceraria, scolastica e per contrastare il dissesto idrogeologico, come pure attività produttive e industriali prevalentemente votate all'export, che rischiano di rimanere tagliate fuori dalle filiere produttive interconnesse e dalle catene di valore internazionali". Riapertura possibile anche per i negozi, ma a partire dall'11 Maggio.

Dal 18 maggio, la riapertura riguarderà il commercio al dettaglio, musei, mostre e biblioteche e gli allenamenti a squadre in campo sportivo. Per bar e ristoranti sì all'asporto (con riapertura vera annunciata per l'1 giugno come per parrucchieri ed estetisti).

Sulla questione riapertura delle scuole il Premier ha preannunciato una quasi sicura chiusura fino all'inizio dell'anno scolastico 2020/2021, ha però precisato che sarà fatto il possibile affinché gli Esami di Stato in programma vengano svolti in totale sicurezza.

Comments