Modulo di autocertificazione per la fase 2, nuovo documento da scaricare

Adjust Comment Print

Dal 4 maggio si può usare la nuova autocertificazione rilasciata dal Ministero dell'Interno. "Resterà finché ci saranno delle limitazioni" ha spiegato il nostro Premier Conte durante la conferenza stampa.

Barrando "comprovati motivi di lavoro" sull'autocertificazione del Ministero dell'Interno il lavoratore dichiara sotto la propria responsabilità civile e penale il motivo dello spostamento. Sul documento basterà - salvo modifiche o variazioni nei prossimi giorni - barrare la casella "Assistenza ai congiunti" anche se non ci sono motivi di urgenza. Nella circolare del Viminale sarà chiarito che per motivi di privacy i cittadini non devono scrivere le generalità del congiunto e le forze dell' ordine non potranno chiederlo.

Inoltre, si può fare ritorno al proprio domicilio, abitazione o residenza, anche in una Regione diversa da quella in cui si è attualmente. Il nuovo DPCM in vigore dal 4 maggio porta con se una serie di novità che hanno portato il Governo a rilasciare una nuova autocertificazione (che ricordiamo sarà da portare con sé fino al prossimo 17 maggio). Basta riempire tutti gli spazi sull'identità della persona che effettua lo spostamento. Ad esempio, è giustificato da ragioni di necessità spostarsi per fare la spesa, per acquistare giornali, per andare in farmacia, o comunque per acquistare beni necessari per la vita quotidiana. Sarà disponibile un nuovo modello di autocertificazione?

Allarme coronavirus, Spadafora: "Accordo o chiudiamo il calcio"
Oggi si pensa solo alla questione economica e a salvare certe società, ma se non ci sarà sicurezza il campionato dovrà fermarsi . Da lunedì si potrà fare attività all'aperto . "Si terrà probabilmente a metà maggio".

Non ci si può spostare, in ogni caso, per andare a trovare gli amici.

Il Viminale ha diffuso il nuovo modulo dell'autocertificazione ma l'auspicio nel governo e' che questo strumento possa essere presto superato. "Non sono soggetti a tale obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti".

Comments