Oms: "Il coronavirus è di origine naturale"

Adjust Comment Print

Ma è proprio su questo punto adesso che si aspettano conferme dalle autorità sanitarie internazionali.

Del resto le parole di Trump arrivano in un momento in cui l'amministrazione Usa sta intensificando gli attacchi per incolpare la Cina per la pandemia.

Visti e considerati i continui scambi commerciali e il via via di persone, era lecito attendersi un divampare di quella che era un'epidemia incontrollabile, divenuta poi pandemia. "Alla fine, metteremo tutto insieme".

Pil Usa crollato più di quanto già si temesse
Si tratterebbe della prima diminuzione dai primi tre mesi del 2014, quando l'economia si era contratta dell'1,1%, e del calo maggiore dal 2009.

Ormai il bilancio delle vittime negli States è davvero drammatico: 60.876, un numero che supera di gran lunga quello dei morti durante la Guerra del Vietnam.

Al di là di quella che potrebbe sembrare propaganda soprattutto a chi vede nella Cina un partner affidabile e preferisce non vedere i grandi capitali con cui la dittatura cinese invia nel mondo i cittadini che non detengono certamente gli stessi diritti acquisiti dagli occidentali, resta un fatto ben acclarato: la lentezza e l'incapacità dolosa di comunicare al mondo un pericolo davvero gravoso.

Nel corso delle ultime ore, la sicurezza nazionale americana è stata costretta a rilasciare una dichiarazione pubblica - un evento non usuale - per informare la popolazione delle sue indagini sulle origini del virus, affermando apertamente di non avere ancora elementi per poter dimostrare che il virus sia partito da un laboratorio di virologia di Wuhan. Pochi minuti dopo, a chi gli ha chiesto delle prove per questa accusa, ha risposto: "Non posso dirvelo". "È una cosa terribile che è accaduta", ha detto Trump, eppure le agenzie federali hanno spiegato invece di concordare sul fatto che il virus non è stato creato dall'uomo o geneticamente modificato. "La piena fiducia negli obblighi di debito degli Stati Uniti è sacrosanta, assolutamente sacrosanta", ha affermato Kudlow, parlando con Cnbc. Si tratta di un leggero calo rispetto ai giorni precedenti. Lo evidenziano i dati diffusi online dalla Johns Hopkins University, secondo la quale negli Usa si contano 64.700 vittime dall'inizio dell'emergenza.

Comments